Minacce, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali: domiciliari a due messinesi

4 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Minaccia, resistenza  a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. Con queste accuse sono stati arrestati, domenica mattina all’alba dalla Polizia, Vincenzo Cappelleri e Alessio Pino, 42 e 29 anni, con numerosi precedenti di polizia.

L’intervento dei poliziotti della Questura di Messina si è reso necessario quando, nella tarda nottata tra sabato e domenica scorsi, il più giovane dei due ha iniziato ad importunare un gruppo di avventori di una pizzeria in centro città.

Il ventinovenne ha avvicinato e insultato una giovane donna per poi inveire contro gli altri presenti, brandendo una bottiglia di birra di vetro, con aria minacciosa. A fargli da spalla, l’uomo più anziano, il quale ha deciso di intervenire quando la situazione stava degenerando e dagli avvertimenti si stava passando alle maniere forti.

All’arrivo dei poliziotti, entrambi hanno opposto resistenza, dapprima rifiutandosi di fornire le proprie generalità, poi insultando e minacciando apertamente gli operatori. Inutili i tentativi farli ragionare, anche perché i due si trovavano in stato di palese ubriachezza.

All’ennesimo invito a mantenere la calma e ad accogliere la richiesta di declinare le proprie generalità, entrambi gli uomini hanno iniziato a spintonare e strattonare violentemente gli operatori per poter guadagnare una via di fuga. Pertanto, i poliziotti, con non poche difficoltà riuscivano ad arrestarli e a trasferirli presso la caserma Calipari.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo previsto per stamani.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione