CORTE D’APPELLO DI REGGIO CALABRIA: ASSOLTO IL VICESINDACO MONDELLO, PERCHE’ IL FATTO NON SUSSISTE

27 Novembre 2019 Inchieste/Giudiziaria

Nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 26, la Corte d’Appello di Reggio Calabria, accogliendo le argomentazioni della difesa dell’architetto Salvatore Mondello, che ha reso spontanee dichiarazioni, ha assolto il professionista con formula piena (il fatto non sussiste), riconoscendo la correttezza del suo operato. Dopo oltre sette anni, la Corte calabrese, ribaltando le sentenze di condanna dei giudici messinesi, ha messo fine ad un lungo calvario processuale. Il Comune di Messina, anche dopo la nomina dell’arch. Mondello alla carica di Vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici, Urbanistica e Mobilità Urbana, ha confermato la costituzione di parte civile deliberata dalla precedente Amministrazione. L’arch. Mondello, accusato di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, è stato difeso in maniera magistrale dal prof. Carlo Taormina e dell’avv. Giovanni Mannuccia, coadiuvati dal consulente tecnico di parte. “In linea con il modus operandi che caratterizza la mia persona – ha sottolineato il Vicesindaco – non ho nulla da commentare a meno della consapevolezza che si è chiusa una vicenda a dir poco surreale e soprattutto nella piena coscienza di avere sempre svolto la mia professione con correttezza e scrupolo. Oggi, finalmente, questo comportamento, è stato confermato anche dai giudici”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione