Messina, ispettori del lavoro in bar, pasticcerie e aziende edili: multe

30 Novembre 2019 Cronaca di Messina

Otto denunce, 16 lavoratori in nero e sanzioni per oltre 244mila euro. E’ il bilancio di una serie di controlli a pub, bar e pasticcerie, aziende edili, esercizi commerciali e rivendite di prodotti ittici effettuati nell’ultimo mese nella provincia di Messina dal nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro. Sedici le ditte passate al setaccio, di cui 9 risultate irregolari, mentre su 45 lavoratori controllati 16 sono risultati totalmente in nero. In cinque casi è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività per aver impiegato personale in nero nella misura pari o superiore al 20 per cento di quello effettivamente presente sul luogo di lavoro. La misura è già stata revocata perché i titolari hanno regolarizzato la posizione dei lavoratori e pagato la sanzione amministrativa.

Per otto datori di lavoro, dei quali un cittadino cinese, è scattata la denuncia per violazioni delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro, di quelle a tutela dei lavoratori minori e per utilizzo di impianti di videosorveglianza per il controllo dei lavoratori a distanza senza autorizzazione dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Messina. Le sanzioni amministrative e le ammende ammontano complessivamente a oltre 244mila euro.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione