OPERAZIONE LAST BET: Messina, mafia e slot. Sequestrati beni del valore di oltre 10 milioni di euro Domenico La Valle. #VIDEO E INTERCETTAZIONI

9 Gennaio 2020 Inchieste/Giudiziaria

[embed]https://youtu.be/gN0tHN8AIgU[/embed]

 

Dagli anni Novanta è un manager attivissimo nel settore del gioco, a Messina. Un tempo, si occupava di bische. Poi, è passato ai videopoker. Domenico La Valle, 59 anni, è ritenuto il braccio imprenditoriale del clan Trovato, che opera nella zona Sud della città. Le indagini del nucleo di polizia economico finanziaria, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia diretta da Maurizio de Lucia, hanno portato a un decreto di sequestro per l’imprenditore. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale della città dello stretto. Riguarda gli investimenti messi in atto dal “re” del gioco negli ultimi anni: società di noleggio di videopoker, sale giochi, un distributore di carburanti e diversi immobili intestati ai familiari.

Già vent’anni fa, La Valle era finito al centro di alcune indagini. Ma era uscito sempre assolto, fino al processo concluso nel febbraio 2018, l'anno successivo la sentenza è stata confermata in appello: 13 anni di carcere, per associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, violenza privata, gioco d’azzardo, usura, lesioni e per tutta una serie di reati fiscali. Le indagini del Gico della Guardia di finanza hanno sorpreso l’imprenditore mentre imponeva i videopoker nei locali di Messina e garantiva la protezione del clan ai negozianti accondiscendenti. Il clan Trovato organizzava dei veri e propri servizi di vigilanza. Chi si ribellava al sistema subiva ritorsioni. Fu pestato in modo violento anche un giovane cinese che era stato fortunato nel momento sbagliato, ovvero aveva fatto tanti soldi al videopoker il giorno in cui la macchinetta era stata manomessa per far vincere gli amici dei boss.

“Domenico La Valle è soggetto socialmente pericoloso”, hanno scritto i giudici del Tribunale di Messina. “Aveva anche una significativa disponibilità di risorse finanziarie, rese accessibili agli esponenti del clan, in assolvimento del suo ormai accertato ruolo di cassiere”.  Per i giudici, c’è una “assoluta assenza di uniformità nel rapporto reddito-patrimonio”, per questa ragione è scattato il sequestro.

UN IMPERO COSTRUITO NELLA ZONA DI GAZZI

Figurano beni mobili, immobili e aziende nel sequestro del Tribunale di Messina, tra cui società, una tabaccheria, un gommone e svariati appartamenti. In particolare, sigilli apposti alla ditta individuale "Scimone Antonino", con sede legale a Messina in via Tommaso Cannizzaro 262 e sede operativa in via Corbino Orso, Società "Cmslot", con sede legale a Messina in via Tommaso Cannizzaro 262 e sede operativa in via Corbino Orso, società "Scimone Better srl", con sede legale a Messina in via Don Minzoni 199/a; rivendita di generi di monopolio n. 198, ubicata in via Taormina 8; quota di partecipazione societaria del "Laboratorio pasticceria F.lli La Valle snc", ditta individuale "Nuovo centro scommesse di Davide Romeo"; "Bar La valle", in via Vecchia Comunale, di proprietà di Grazia Megna; appartamento di 4 vani e accessori e bottega con annesso cortiletto, entrambi in via Vecchia Comunale Gazzi 40; due immobili a Contesse-Gazzi di 3,5 vani ciascuno; altri quattro immobili di 5 e 3,5 vani e lastrico solare in via Vecchia Comunale; un magazzino e locale deposito di 451 mq in via Corbino Orso; un laboratorio di 50 mq in via Catania, un immobile di 4 vani in via Comunale, al Villaggio Santo; un'abitazione civile di 12 vani in via Cottone; sempre in via Cottone, due posti auto e un garage; in via Corbino Orso, due magazzini di 143 e 157 mq. E ancora: villa e relative pertinenze del complesso Baia Verde a Rodia; una bottega in via Vecchia Comunale, di proprietà di Alessio La Valle; un gommone Gremar intestato a terza persona; un'Audi A3 cabriolet e una Bmw 420 d cabrio; conti correnti, conti deposito a risparmio. Il collegio ha nominato un amministratore dei beni e fissato il 4 marzo prossimo l'udienza per la discussione dell'applicazione della misura di prevenzione personale e patrimoniale.

 

IL COMUNICATO DELLA GUARDIA DI FINANZA

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno dato esecuzione, questa mattina,
ad un decreto di sequestro di beni nei confronti di Domenico LA VALLE cl. 60, per un
valore di oltre 10 milioni di euro.

Nel dettaglio, la complessa attività investigativa - disposta dalla Direzione Distrettuale
Antimafia peloritana - trae origine da mirati approfondimenti sviluppati dagli specialisti del
Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata del Nucleo di Polizia Economico
Finanziaria di Messina, con specifico riferimento al redditizio settore del gioco e delle
scommesse, segnatamente d’azzardo.

Proprio in tale ambito, le Fiamme Gialle messinesi acquisivano come il citato LA VALLE
Domenico, noto imprenditore locale, risultasse tra gli elementi apicali di un’importante
quanto strutturata consorteria mafiosa, egemone nella zona sud di Messina, dedita al
sistematico ricorso a metodi violenti per imporre, anche con atti estorsivi, la propria
posizione di monopolio nello specifico settore, notoriamente di interesse delle mafie.

Nel merito, dopo una minuziosa ricostruzione storica del profilo soggettivo del LA VALLE,
anche valorizzando i numerosi procedimenti penali in cui risultava coinvolto sin dalla fine
degli anni ’90 (da cui invero usciva assolto), venivano rilette in un’ottica nuova le
dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, attestando come il medesimo avesse, nel
tempo, acquisito il ruolo di riferimento del clan TROVATO nella gestione delle bische
clandestine, in una prima fase, per poi evolversi nella distribuzione dei videopoker, in
tempi successivi. Dopo la disgregazione dell’originaria compagine associativa per via della
carcerazione dei capi e del percorso di collaborazione con la giustizia intrapreso da altri, il
LA VALLE assumeva un controllo pressoché esclusivo delle attività illegali della famiglia,
costituendone il punto di riferimento “imprenditoriale” e facendo da contraltare al ruolo
“operativo” ricoperto dai fratelli TROVATO.

Sul punto, quindi, dopo circa due anni di indagini, nel febbraio 2018, poi confermata in
appello a gennaio 2019, interveniva sentenza di condanna a 13 anni di reclusione per
associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, violenza privata, gioco d’azzardo, reati
fiscali, usura e lesioni.

In altre parole, le investigazioni disposte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Messina
ed eseguite dai militari del G.I.C.O. documentavano come, nonostante le diverse
assoluzioni, il LA VALLE risultasse figura di rilievo nel panorama mafioso cittadino, in
grado, da un lato, di imporre la collocazione delle apparecchiature presso gli esercizi
commerciali della zona, dall’altro, garantire agli esercenti accondiscendenti di poter godere
della connessa protezione mafiosa del clan.

A tal riguardo, oltre a documentare come la protezione si dispiegasse anche mediante
servizi di vigilanza e ronde notturne, si acquisiva come alcuni titolari di sale giochi,
destinatari di furti, anziché rivolgersi alle Forze di Polizia per denunciare l’accaduto,
dapprima valutassero la possibilità di rivolgersi a consorterie mafiose catanesi, per poi
decidere di richiedere l’intervento dell’organizzazione mafiosa riferibile al LA VALLE,
autonomamente in grado di assicurare la restituzione delle somme oggetto di furto, nel
rispetto dei rapporti di forza tra organizzazioni criminali a competenza territoriale diversa.
L’autore del furto, opportunamente redarguito, capiva come avesse sbagliato obiettivo:
“…maledetto io, perché…gli amici non si toccano ed ora l’ho capito e non lo farò mai più!
...”.

Ma il controllo delle dinamiche criminali restituito dalle indagini è risultato ben più ampio.
Emblematico, al riguardo, è il caso del violento pestaggio di un avventore di origine cinese,
reo di essere stato “fortunato”: per sua sventura si trovava a giocare nel momento in cui la
macchinetta videopoker, manomessa con appositi software, avrebbe garantito una vincita
“non autorizzata” dal gruppo mafioso e dal LA VALLE.

In sintesi, emergevano non solo una pluralità indefinita di comportamenti criminali indicativi
di un profilo del LA VALLE Domenico di soggetto socialmente pericoloso, ma anche una
significativa disponibilità di risorse finanziarie, anche rese accessibili agli esponenti del
clan, in assolvimento del suo ormai accertato ruolo di “cassiere”.
Proprio tali qualificazioni consentivano ai Finanzieri, quindi, su delega della Procura della
Repubblica di Messina, di avviare mirate investigazioni economico - patrimoniali, tese a
quantificare e conseguentemente aggredire l’enorme patrimonio riferibile al LA VALLE,
non giustificato dai redditi leciti dichiarati al fisco.

All’esito di tale attività emergeva, altresì, come il LA VALLE, evidentemente consapevole
della propria caratura criminale e della concreta possibilità di vedersi sequestrare l’intero
impero criminale creato, gestisse - di fatto - avvalendosi dell’apporto di fidati prestanome,
diverse attività economiche: società di noleggio di apparecchi da gioco, sale giochi, un
distributore di carburanti, una rivendita di generi di monopolio.
Analogamente, si documentava come ulteriori investimenti immobiliari risultassero
fittiziamente intestati a propri familiari.

In sintesi, le investigazioni complessivamente svolte – abbraccianti un periodo di un
trentennio - restituivano una situazione di assoluta assenza di uniformità nel rapporto
reddito/patrimonio, consentendo al Tribunale di Messina – Sezione Misure di Prevenzione,
di disporre l’odierno provvedimento di sequestro, per un valore complessivo di stima di
oltre dieci milioni di euro.

L’attività svolta, in conclusione, testimonia il grande impegno dell’Autorità Giudiziaria e
della Guardia di Finanza messinese nel delicato settore del contrasto alle organizzazioni
criminali, vieppiù di matrice mafiosa, con conseguente aggressione degli enormi illeciti
patrimoni accumulati, ora sottoposti a sequestro, così restituendo alla collettività e
all’imprenditoria onesta spazi di legalità.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione