#VIDEO – Sirene a lutto nello Stretto di Messina: 13 anni fa la tragedia del Segesta Jet

15 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

[embed]https://www.facebook.com/enrico.giacomo.9/videos/10219047408010386/[/embed]

 

Ricorre oggi il 13°anniversario della tragedia del Segesta Jet. Il 15 gennaio del 2007, alle 17:54, l’aliscafo RFI, mentre entrava nel porto di Messina con a bordo 154 pendolari, in prevalenza messinesi, entrava in collisione con il mercantile “Susan Borchard”, la nave battente bandiera di Antigua, diretta verso porto israeliano Ashod. L’impatto fu terribile e devastante. L’aliscafo fu letteralmente squarciato. Ci furono circa un’ottantina di feriti  e quattro persone dell’equipaggio dell’aliscafo Rfi persero la vita. I corpi senza vita erano quelli del comandante Sebastiano Mofodda, del direttore di macchina Marcello Sposito, del motorista Domenico Zona e del marinaio Lauro Palmiro. Questo pomeriggio le navi nello Stretto di Messina hanno omaggiato i quattro marinai suonando le sirene a lutto, nel minuto esatto in cui avvenne la collisione. In città inoltre sono state organizzate diverse iniziative, tra cui una cerimonia nel piazzale della Stazione Centrale intitolato ai marinai, alla quale erano presenti anche l’assessore alla Cultura Enzo Caruso e il presidente dell’Autorità Portuale dello Stretto Mario Paolo Mega.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione