#FOTO – Messina: ruspe a Maregrosso per demolire le Case d’Arrigo

27 Gennaio 2020 Politica
Il Sindaco Cateno De Luca, il Vicesindaco Salvatore Mondello, gli Assessori, ai Fondi Europei, Carlotta Previti, e alle Politiche Sociali e della Casa, Alessandra Calafiore, e il Presidente di A.RIS.ME’ Marcello Scurria insieme al CdA, oggi, alla presenza di Giorgio Martini e di Riccardo Monaco dirigenti responsabili dell’Autorità di Gestione del PON Metro, hanno dato l’avvio dei lavori per lo sbaraccamento dell’area di risanamento “Case D’Arrigo”. “Il processo di risanamento – ha dichiarato il Sindaco De Luca – rappresenta un punto imprescindibile del mio mandato politico: condurre la Città definitivamente fuori da questa emergenza e ridare dignità e possibilità a tante famiglie di intraprendere un vero processo di inclusione e di autodeterminazione garantendo il diritto di vivere in una abitazione sicura e dignitosa”. “La presenza dell’Agenzia di Coesione Territoriale – ha evidenziato l’Assessore Previti – riveste per questa Amministrazione una grande importanza a testimonianza che la sinergia tra il Comune di Messina e l’AdG è stata e continuerà ad essere un modello virtuoso di corretta spesa dei Fondi Strutturali orientati a risolvere problemi reali e concreti per lo sviluppo inclusivo di un territorio”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione