Cas, iniziato lo sciopero dei dipendenti: disagi sulla A18 e sulla A20

29 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

E’ iniziata alle 2 di stanotte la protesta dei dipendenti del Consorzio autostrade siciliane, indetto dai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Sla e Lata per la tutela dei diritti e gli adeguamenti economici contrattuali dei 300 lavoratori, affinché l’ente dia più garanzie e maggiore sicurezza, causando disagi in tutta la A20 e la A18.

La protesta, che avrà luogo su tutti i tre turni di lavoro (dalle 2:00 alle 6:00 , dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 18:00 alle 22:00) ha avuto adesioni massicce in tutta la Sicilia che toccano il 100% ai caselli Messina Nord e Messina Sud. Esattori e tecnici a braccia conserte anche alle barriere di Catania e Buonfornello, mentre i dipendenti amministrativi si fermeranno le ultime quattro ore della prestazione giornaliera.

Nel frattempo, si è tenuto anche il sit in dei dipendenti nel piazzale antistante la sede del Cas, partecipato anch’esso.

“Solo un ente pubblico ed economico potrà rilanciare un Consorzio che non riesce a dare servizi adeguati all’utenza siciliana, garantire i diritti contrattuali dei lavoratori e procedere alle necessarie assunzioni, e su questo la politica regionale deve operare con urgenza uscendo dall’immobilismo che da anni relega il Cas a semplice carrozzone pubblico”, si legge in una nota.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione