In moto con un maiale appena macellato, denunciato a Messina

31 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

Su un motociclo con un quarto di maiale macellato da poco. Lo hanno scoperto gli uomini della Sezione specialistica della polizia municipale di Messina.

Nonostante l’intimazione, il mezzo non si è neppure fermato all’alt, liberandosi del carico e dandosi alla fuga. A questo punto il commissario Giovanni Giardina ha disposto le pattuglie in modo da circoscrivere l’area, intercettando il responsabile in via nazionale di Mili Marina.

Identificato il soggetto i vigili si sono diretti verso un fabbricato in località Vallone Guidari in un punto particolarmente impervio, raggiungibile solo a piedi o con le motociclette. Sul posto è stato trovato un maiale appeso, appena macellato ed eviscerato. E inoltre altri maiali, ovini e animali da cortile, tutti privi di marchiatura e documentazione sanitaria.

Richiesto l’intervento del servizio veterinario dell’Asp che ha dichiarato l’animale macellato non idoneo al consumo umano e, a seguito di comunicazione al pm di turno, è stata disposta la distruzione.

Il proprietario del casale, già noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato per macellazione clandestina, maltrattamento di animali e detenzione di coltelli vietati.

Il resto degli animali sono stati sequestrati per essere sottoposti a controlli sanitari. Sono stati inoltre sequestrati i coltelli e gli attrezzi utilizzati per la macellazione clandestina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione