Torna dopo sette anni un presidio medico a Castanea, sarà attivo da lunedì

31 Gennaio 2020 Cronaca di Messina

Dopo sette anni, a Castanea tornerà ad esserci un presidio medico di pronto soccorso, con un’ambulanza e due locali all’interno della scuola di via Massa adibiti al primo intervento, operativi tutti i giorni dalle 8 alle 20. A darne notizia è l’ex candidata al Consiglio comunale Margherita Milazzo, che già mesi fa aveva evidenziato l’assenza di questo servizio durante un incontro fra la giunta De Luca e i residenti del villaggio collinare della zona nord. Domani, alle 16, ci sarà l’inaugurazione del presidio Asp che sarà attivo a partire da lunedì.

Per arrivare all’ospedale più vicino da Castanea ci vuole almeno mezz’ora, tempo che i cittadini del paese non sono più disposti a impiegare perché troppo lungo. Durante quello stesso incontro con gli assessori, infatti, ad entrare nel merito della richiesta, soprattutto di un’ambulanza, è stata una mamma il cui figlio è affetto da una malattia genetica respiratoria. Il bambino ha spesso degli attacchi improvvisi e la madre deve correre subito in ospedale: adesso sarà agevolata da questo presidio medico.

Ma il problema non riguarda solo chi ha delle malattie: il villaggio, spiega Margherita Milazzo, è abitata da un gran numero di persone anziane e “proprio l’altro giorno un signore è morto in piazza a causa di un’emorragia interna. Probabilmente sarebbe morto ugualmente, ma resta il fatto che l’ambulanza sia arrivata dopo un’ora“.

“Fino al 2013 il presidio si trovava in contrada Frischia, all’interno dell’ex scuola elementare, ma poi, sia a causa di una riduzione generale che per l’inagibilità della struttura, è stato chiuso. Noi non l’abbiamo saputo nemmeno prima, hanno fatto tutto di punto in bianco. Successivamente, c’è stato un disinteresse totale“, racconta Margherita Milazzo.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione