Il sindaco De Luca condannato per comportamento antisindacale

25 Febbraio 2020 Inchieste/Giudiziaria

Il Giudice del Lavoro di Messina ha condannato il sindaco di Messina, Cateno De Luca, per comportamento antisindacale ed al pagamento delle spese giudiziali per un importo di 2.390,00 euro. Il dispositivo della sentenza è stato depositato lo scorso 22 febbraio e scrive la parola fine ad una vicenda che ha visto contrapposto la Uil-Fpl e il Comune di Messina. L’organizzazione sindacale, difesa dall’avvocato Oreste Puglisi, lamentava che il Segretario generale del Comune di Messina, con propria determinazione, lo scorso 12 luglio aveva disposto il trasferimento di un dirigente aziendale della Uil-Fpl, senza avere ottenuto il preventivo nulla osta previsto dalla legge, violando pertanto il sistema delle relazioni sindacali.

“Accogliamo con grande soddisfazione – affermano Ivan Tripodi, Pippo Calapai ed Emilio Di Stefano, rispettivamente segretario generale Uil, segretario generale Uil-Fpl e Responsabile provinciale Comune di Messina Uil-Fpl – il provvedimento del giudice del Lavoro che ha dichiarato il carattere antisindacale ordinando la rimozione degli effetti della delibera con la quale è stato trasferito senza nulla osta un nostro dirigente. Il sindaco di Messina comprenda che non è il padrone del Pastificio (frase usata spesso dal De Luca), e che le regole vanno rispettate”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione