Coronavirus, 7 casi positivi a San Marco d’Alunzio in una casa di riposo

Il Covid Team istituito presso l’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina, su input dell’Assessore Regionale alla Salute Ruggero Razza, nell’ambito dell’individuazione dell’Azienda come centro di coordinamento dell’emergenza Covid-19 nell’area metropolitana, è intervenuto presso una casa di riposo e una rsa di S. Marco d’Alunzio. Nella casa di riposo, in particolare, nei giorni scorsi complessivamente 7 tra ospiti e unità di personale erano risultati positivi.

Già ieri il coordinatore dell’emergenza, dott. Giuseppe Laganga, insieme al Direttore Sanitario dell’Asp di Messina, dott. Domenico Sindoni, hanno effettuato un sopralluogo presso il centro nebroideo. Sono stati disposti interventi, che oggi sono in via di completamento, al fine di affrontare la situazione venutasi a creare e prevenire il diffondersi dell’epidemia.

Nello specifico, ospiti e personale della casa di riposo sono stati posti in isolamento. Gli anziani continuano a ricevere tutta l’assistenza necessaria, anche con l’ausilio di apposito personale medico, e rimangono all’interno della struttura. In queste ore vengono tutti sottoposti a tampone, così come i familiari del personale che, preventivamente, si trovano ora in isolamento nelle proprie abitazioni in attesa dei risultati degli esami.

Identica misura è stata adottata nella rsa, dove non si registrano casi sintomatici, ma poiché non possono escludersi contatti tra gli operatori delle due strutture, anche in questo caso si è proceduto all’isolamento di 42 ospiti e 27 dipendenti. Pure in questo caso, poi, è in corso l’effettuazione dei tamponi e pure in questo caso si è proceduto all’isolamento domiciliare dei nuclei familiari degli operatori e, altresì, di quegli operatori che avevano svolto servizio nei giorni precedenti.  

Una volta ottenuti i risultati degli esami, si procederà ad approntare un ulteriore piano d’intervento.

Il 25 marzo 2020, al sindaco Dino Castrovinci è stato comunicato dall’ASP 5 di Messina l’esito positivo del tampone eseguito su una paziente ottantatreenne di Acquedolci, ricoverata il 7 marzo 2020 presso una casa di riposo a San Marco d’Alunzio, dopo essere stata dimessa da altro ospedale. L’anziana signora, la mattina di domenica 22 marzo, dopo aver accusato problemi respiratori, era stata prelevata da un’ambulanza, trasferita e, quindi, ricoverata presso l’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, dove si trova tutt’oggi.
Giorno 26 marzo è stato reso noto l’esito positivo del tampone eseguito sulla paziente. A seguito dell’esito positivo del tampone eseguito sull’anziana ospitata presso la Residenza Aluntina di via Farinata, ad oggi ricoverata presso l’ospedale di Barcellona P.G., l’ASP ha disposto l’isolamento della struttura RSA Villa Pacis S. Francesco (ex Convento Frati Cappuccini). Il personale prontamente sottoposto a tampone poiché venuto a contatto con la donna positiva al Covid-19 sin da subito è rimasto isolato. Oggi è pervenuto l’esito dei tamponi effettuati sul personale e gli altri degenti ed è lo stesso sindaco a comunicare che l’esame eseguito ha avuto esito positivo per 5 degenti e per 3 operatori residenti nello stesso comune e altri 2 fuori comune. Pertanto, tutti gli operatori venuti a contatto con la degente, la cui positività al Covid-19 era stata acclarata, sono stati posti in isolamento presso la struttura di via Farinata o presso la propria abitazione, dove hanno obbligo di rimanere fino al termine del periodo di quarantena disposto dall’ASP, osservando le norme di comportamento raccomandate.
Stante la positività di alcuni dei soggetti già in isolamento, ai medici di base ed all’ASP spetterà di ricostruire la rete di relazioni di ciascuno di essi, al fine di attivare i protocolli di contenimento della diffusione del Covid-19.
Il compito della vigilanza sarà demandato alle Forze dell’Ordine. Il sindaco infine dichiara di essere vicino a tutta la popolazione alla quale chiede di restare a casa, limitando al massimo i contatti sociali. Dei 5 operatori 3 sono residenti a San Marco d’Alunzio 1 a Mirto e 1 a Torrenova.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione