Sant’Agata di Militello: Maltrattamenti tra le mura domestiche. Due uomini, marito e figlio della vittima, arrestati dai Carabinieri

5 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello a conclusione di una delicata ed articolata attività investigativa, coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Patti che ha accolto le risultanze info-investigative della Polizia Giudiziaria, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di F.P. 64enne e F.C.A. 30enne, entrambi residenti in Sant’Agata di Militello (ME), gravemente indiziati dei reati di maltrattamenti, molestie, minacce, ingiurie e lesioni personali gravi, commessi tra le mura domestiche, nei confronti della moglie nonché madre del 30enne arrestato.  

L’attività di indagine svolta dai Carabinieri, a seguito anche di una recente denuncia sporta dalla vittima, ha permesso di documentare una serie di condotte, che si protraggono da anni, sfociate in una lunga serie di aggressioni fisiche e psicologiche finalizzate a sottomettere la donna. Gli elementi raccolti dai militari dell’Arma hanno permesso alla Procura della Repubblica di Patti di ottenere l’emissione di una misura cautelare personale in carcere, ritenendo la vicenda contornata da fatti di rilevante gravità. 

Giova precisare al riguardo, che la stessa Procura della Repubblica, già negli anni scorsi si era interessata del caso, ottenendo nel 2019 la condanna del giovane F.C.A. per una serie di maltrattamenti, perpetrati nel corso del 2018. A coadiuvare gli investigatori è intervenuta la “task force” specializzata, costituita presso il Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina, per il contrasto alle violenze di genere.  

Esperite le formalità di rito, i due uomini sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’ennesima dimostrazione di efficace coordinamento investigativo tra la Procura della Repubblica di Patti e l’articolazione territoriale dell’Arma dei Carabinieri, ha scongiurato il protrarsi e l’aggravarsi dei fatti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione