ERBACCE E DEGRADO, LA DENUNCIA DEL CONSIGLIERE RIZZO

6 Maggio 2020 Cronaca di Messina

Erbacce dovunque e arbusti ad altezza uomo in tutta la città. A segnalare la cosa è il consigliere di LiberaMe Massimo Rizzo, che in un’interrogazione urgente all’assessore all’Ambiente Dafne Musolino chiede, “se l’Amministrazione voglia effettivamente intervenire e con quale calendarizzazione degli interventi”.

Alla richiesta, Rizzo allega un nutrito dossier, che mostra come in due mesi in cui si sarebbe potuto lavorare in tranquillità  per gli operatori di MessinaServizi (sgravati da compiti di manutenzione e con carichi di lavoro molto ridotti, dato il drastico calo nella produzione di spazzatura), e senza disagi per la popolazione (bloccata in casa), l’amministrazione non si sia minimamente posto il problema. Il risultato è una giungla in ogni angolo della città, proprio nel periodo in cui insetti e parassiti iniziano a proliferare, trovando habitat favorevole tra le erbacce.

“L’attuale situazione emergenziale impone una particolare attenzione alle condizioni di igiene pubblica – scrive Rizzo nell’interrogazione – tale situazione, oltre ad essere carente dal punto di vista del decoro urbano, rappresenta un pericolo sotto il profilo dell’igiene pubblica”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione