Messina, Terra di Gesù onlus distribuisce 1200 confezioni di farmaci a famiglie disagiate

15 Maggio 2020 Cronaca di Messina

A fine marzo, in piena pandemia, Terra di Gesù Onlus ha attivato un numero di povertà sanitaria finalizzato ad aiutare le persone bisognose sotto il profilo medico e farmaceutico. In poco più di un mese sono pervenute 220 segnalazioni e dispensati al Centro Buon Pastore di Via Calvi sorto grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Messina, circa 1200 confezioni di farmaci. Grazie a questa iniziativa sono state supportate case d’accoglienza, strutture caritative e tanti pazienti appartenenti alle vecchie e nuove povertà create dal coronavirus. Distribuiti centinaia di confezioni di pannolini, latte per infanzia, omogeneizzati e altri presidi per i bambini disagiati. Il 60% di coloro che hanno usufruito di questa distribuzione sono stati italiani, il 20% africani e il 15% asiatici.

Terra di Gesù “ringrazia Banco Farmaceutico in particolare ma anche tutte le numerose associazioni che hanno permesso di aiutare tanti cittadini in seria difficoltà nella fase in cui gli ammortizzatori sociali non erano ancora perfettamente attivati”. Va ricordato inoltre il progetto “Il Pane di tutti” che ha distribuito durante l’urgenza oltre sei tonnellate di derrate alimentari, progetto in sinergia con Banco Alimentare. Il presidente Francesco Certo ringrazia inoltre i volontari “che con la loro presenza attiva e amorevole hanno permesso la realizzazione di questa iniziativa anche a costo di mettere a repentaglio la propria salute fisica”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione