CMDB: LA REGIONE CERTIFICA IL FALLIMENTO DELLA POLITICA DI GESTIONE RIFIUTI A MESSINA

25 Maggio 2020 Politica

"Il dipartimento acqua e rifiuti della Regione siciliana ha pubblicato i dati della raccolta differenziata nei comuni della Sicilia. La città di Messina raggiunge nel 2019 il 23,2% di raccolta differenziata, appena il 3,5% superiore rispetto al 18.7% del 2018, nonostante proclami roboanti, l’acquisto di nuovi mezzi e contenitori, estensione ulteriore del Porta a Porta, obiettivi ambiziosi". E' quanto scrive in una nota da CMDB, Cambiamo Messina dal Basso.

"Si è lontani non solo da quel 65% che si dichiarava di potere raggiungere entro il 31 luglio 2019 (pena dimissioni assessora e presidente Messinaservizi, mai arrivate), ma anche dal 30%, che si diceva di raggiungere addirittura entro ottobre 2018, per non parlare del 49% come media annuale fissato come obiettivo del 2019 dal Piano economico finanziario proposto da Messinaservizi Bene comune (in merito sollevamento molti dubbi su tante voci di quel piano senza avere purtroppo alcun riscontro da parte del consiglio comunale che lo approvò a larga maggioranza)".

"Non è finita: nella graduatoria dei comuni per la raccolta differenziata la città di Messina è scesa clamorosamente, passando dal 285esimo nel 2017, al 345esimo nel 2018, per arrivare al 374esimo posto nel 2019.
Nell’attesa di potere leggere il bilancio 2019 di Messinaservizi, per capire come sono stati spesi i fondi ricavati dall’applicazione della TARI più salata mai pagata dai messinesi e curiosi soprattutto di sapere dove sono andati a finire i 10 milioni di premio di risultato promessi e non pagati ai lavoratori di Messinaservizi ma pagati dai messinesi con la TARI, rimane il fatto incontrovertibile che oggi la Regione siciliana ha certificato il clamoroso fallimento della politica di gestione dei rifiuti del Comune di Messina", conclude la nota.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione