Striscia la Notizia racconta l’avventura a lieto fine di Pepa, bertuccia curata dall’OVUD UniMe

25 Maggio 2020 Culture

La storia di Pepa, l’esemplare di Macaca sylvanus o bertuccia curata (tra la fine di aprile e l’inizio maggio) presso l’OVUD UniMe, in seguito al sequestro operato dal nucleo Cites dei Carabinieri in collaborazione con l’ASP di Catania, è stata raccontata anche da Striscia la Notizia, il celebre programma in onda nel prime time giornaliero di Canale 5. La bertuccia era detenuta illegalmente, in una residenza alla periferia del capoluogo etneo, prima dell’intervento delle autorità.

Il servizio di Striscia la Notizia ha riavvolto il nastro e ripercorso tutte le tappe dell’avventura che ha coinvolto Pepa, in seguito consegnata dall’Ospedale Veterinario Universitario Didattico di Messina al personale specializzato della LAV-Lega Anti Vivisezione, allo scopo di predisporre il trasferimento in adeguata ambulanza presso il “Centro di recupero per animali selvatici ed esotici” di Semproniano. Quest’ultimo fra le colline e i boschi della maremma toscana, accoglie più di 100 animali salvati da allevamenti, circhi, traffico illegale. All’interno del Centro, come raccontato nel servizio televisivo, l’animale comincerà un percorso riabilitativo e di reinserimento, insieme alle altre bertucce.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione