Messina. Italia Viva, Beppe Picciolo: «C’è un tempo per parlare ed un tempo per agire»

19 Giugno 2020 Politica
“Ponte di Messina, banda larga, Alta Velocità, ZES, aree portuali: non è più il tempo delle chiacchiere.
In questa legislatura dobbiamo dare il via a tutte le infrastrutture che servono per il rilancio del Mezzogiorno e dell’Italia”.
E’ questa la conclusione che campeggia sulla pagina di “Italia Viva” a seguito del confronto tra Davide Faraone e la Ministra delle infrastrutture durante il “question time” di ieri al Senato.
Siamo orgogliosi, dice il Segretario Regionale di Sicilia Futura Beppe Picciolo, di aver condiviso con Davide la necessità di prendere una posizione chiara.
Quello che ci sorprende, quindi, è che da ciò che abbiamo letto non sia emerso quanto il Senatore Faraone ha ribadito nella sua replica alla Ministra.
Italia Viva, infatti, oltre ad avere chiarito come il Ponte sia parte irrinunciabile dei progetti strategici del corridoio “Helsinki – La Vallletta”, attraverso il quale la Comunità Europea mira a tornare baricentro del Mediterraneo, ha posto una chiara questione politica sulle irreversibilità dell’opera. Per noi di Italia Viva non è più tempo di studi, di valutazioni o, peggio, di rinvii tattici. Ricordando che il progetto del Ponte fu appaltato ed è quindi certamente realizzabile e caduti gli alibi dell’assenza di risorse non esistono più ragioni per non avviare una perequazione infrastrutturale che metta il Mezzogiorno in condizioni di divenire motore propulsivo dell’economia italiana.
In tal senso mi adopererò immediatamente, anche tramite il mio Gruppo Regionale, per comprendere, andando oltre le appartenenze politiche, quale sia la disponibilità a portare avanti questa battaglia anche da parte dei Governatori di Sicilia e Calabria.
Il tempo delle divisioni e degli integralismi lascerà il Sud veramente isolato. Oggi è il momento del “fare assieme”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione