Vittoria, agguato per l’ex collaboratore Sciortino. Ucciso a colpi di fucile

30 Giugno 2020 Inchieste/Giudiziaria

L’ex collaboratore di giustizia Orazio Sciortino è stato ucciso alle porte di Vittoria, nel Ragusano. L’uomo è stato trovato senza vita per terra, poggiato su un lato, con segni di violenza sul collo. Dalle prime ricostruzioni, in attesa delle verifiche del medico legale, sarebbero compatibili con colpi d’arma da fuoco.

Un colpo sparato al collo e uno alla spalla, da dietro: una vera e propria esecuzione. Così sarebbe stato ucciso il 51enne Orazio Sciortino, alla periferia di Vittoria. L’uomo sarebbe stato in passato vicino al clan Carbonaro Dominante e avrebbe collaborato con la giustizia uscendo poi dal programma di protezione nel primi anni del 2000.

Aveva fornito indicazioni utili all’arresto dei responsabili della “Strage di San Basilio” del 2 gennaio 1999 voluta dai vertici di Cosa nostra gelese e nella quale furono uccisi 5 uomini nella stazione di servizio della statale 115 Vittoria-Comiso. Due gli episodi che coinvolgono di recente Sciortino. L’ultimo arresto risale a febbraio di quest’anno quando assieme a due complici era stato sorpreso dai carabinieri di Scicli a rubare in alcune case di campagna. A marzo dello scorso anno invece era rimasto ferito alla testa da una bottiglia nel corso di una rissa a casa del fratello. In quel frangente un 32enne si era recato a casa del fratello di Orazio Sciortino, Emanuele, per avere il pagamento di un credito che vantava. Ne era scaturita una rissa e il fratello della vittima, Emanuele, anch’egli con precedenti, era stato ridotto in fin di vita e Orazio era rimasto ferito, una volta intervenuto in sua difesa. Per questo episodio l’aggressore è stato di recente condannato a 6 anni e mezzo di carcere.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione