LA STORIA: La favola di Musa Juwara. Dalla fuga dal Gambia allo sbarco a Messina fino ai gol in serie A con la maglia del Bologna

7 Luglio 2020 Mondo News

Con i suoi diciotto anni, appena compiuti, domenica 5 luglio ha segnato col Bologna alla Scala del calcio. Una storia fatta di sogni che diventano realtà. Questa la storia di Musa Juwara (26 dicembre 2001 quindi quasi un 2002). Quattro anni fa l’arrivo dal Gambia in Italia su un barcone, precisamente il 10 giugno 2016. Domenica ha messo in crisi l’intero reparto difensivo dell’Inter segnando l’1-1 che ha dato il là ai rossoblù per la rimonta e la conclusiva vittoria per 2-1.

Il tutto alla Scala del calcio, a San Siro. Musa Juwara non credeva nemmeno di entrare. Un sinistro potente e preciso che gli ha permesso di segnare il suo primo gol in Serie A. Mihajlovic ha creduto in lui ed è stato ampiamente ripagato. “È il mio primo gol in A. Ringrazio il mister che mi ha fatto giocare contro l’Inter – ha detto Juwara –. Sto lavorando bene in allenamento, ma non pensavo sarei entrato. È un grande sogno, lo ricorderò per tutta la vita”.

Ecco le sue origini. Arrivato assieme ad altri 535 profughi a Messina il 10 giugno 2016, Juwara all’epoca ha 14 anni. Minore non accompagnato, viene portato in un centro di accoglienza nella provincia di Potenza. È lì che il ragazzo viene adottato da Vitantonio Suma, allenatore della Virtus Avigliano. È quello il momento in cui avviene la svolta. Musa frequenta la scuola, ma anche i campi da calcio.Non passa molto tempo e il Chievo Verona lo nota. Nel 2018 Juwara entra nella squadra gialloblù ed esordisce in Serie A appena un anno più tardi. Il 2019 vede la retrocessione del Chievo Verona, ma Mihajlovic teneva d’occhio già da tempo il talento del Gambia e lo porta a Bologna. Comincia nella Primavera, ma sempre più spesso viene convocato in prima squadra, fino a quando mister Mihajlovic decide di mandarlo in campo.

A San Siro contro l’Inter certamente non gli è toccata una partita semplice. Ma Musa Juwara si è fatto trovare pronto, con l’emozione e l’entusiasmo dei suoi 18 anni. E con il The Guardian che lo ha inserito tra i giocatori più talentuosi della sua generazione.Personalmente mi ricordo bene quando nel 2017 l’attaccante finì nel mirino del Chievo Verona (società a cui sono legato da tempo da stretti rapporti collaborativi) che dopo tutta una serie di problemi legati al tesseramento riuscì finalmente ad aggregare il ragazzo alla Primavera. La prima convocazione con i gialloblu arrivò a fine 2018, pochi mesi prima del prestito (richiesto da Bava, che non ha voluto esercitare il diritto di prelazione: con 500 mila euro l’avrebbe penso portato al Filadelfia) al Torino Primavera per il Torneo di Viareggio.

La squadra di Coppitelli era priva di Millico, del capitano Ferigra a causa di problemi fisici e anche di Rauti convocato per lo stage dell’Italia Under 19. Dopo la parentesi granata con 3 gol in 3 partite (lo vidi segnare una doppietta contro il Tbilisi), il ritorno a casa e l’esordio tra i professionisti nel match di maggio 2019 contro il Frosinone.

La situazione in Gambia

Il Gambia continua ad attraversare difficolta’ economiche nonostante la rivolta popolare che ha costretto il presidente Yahya Jammeh alla fuga dopo 23 anni di potere.

Nei mesi scorsi ci sono state contestazioni e proteste contro il nuovo capo dello Stato, Adama Barrow. L’accusa e’ di non aver il nerbo ne’ la capacita’ per trarre vantaggio della nuova disponibilità che si e’ manifestata a livello internazionale, da parte degli ex colonizzatori britannici ma non solo. In Gambia, un Paese di appena un milione e 800.000 abitanti stretto tra l’Oceano Atlantico e il Senegal, tanti giovani hanno continuato a partire. Secondo l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim), tra il 2014 e il 2018 gli arrivi in Europa senza i documenti necessari sono stati più di 35.000. Le rimesse inviate in patria da circa 90.000 gambiani all’estero, inoltre, valgono più di un quinto del Prodotto interno lordo. Difficile capire se l’esempio di Juwara o del suo compagno di squadra Musa Barrow, autore ieri del gol del 2-1 finale, possano ispirare nuove partenze. Oggi questi ragazzi sono visti come eroi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione