Messina. Al via il “Cortile – Teatro Festival 2020” nel cortile settecentesco Calapaj – D’Alcontres

10 Luglio 2020 Culture

Partenza alla grande per la quarta edizione del “Cortile – Teatro Festival”. Lunedì 13 luglio (ore 20,45, con replica martedì 14, grazie alla grande richiesta) a inaugurarlo ci sarà un nome famoso del teatro italiano: Michele Sinisi, attore, autore e regista fra i più importanti.

Nel cortile del settecentesco palazzo Calapaj-D’Alcontres presenterà una sua personalissima versione di “Amleto”. «È possibile – si è chiesto – aggiungere qualcosa a un’opera che è mito-teatrale? Ho cercato di avvicinarmi a più riprese al suo nucleo drammatico attraverso vari laboratori ma puntualmente mi confrontavo con l’ossessiva e malinconica qualità della lingua scespiriana. Scoprivo di essermi avvicinato a un mistero senza riuscire a svelarlo del tutto».

Finché su questo mistero è nato lo spettacolo in scena lunedì, in cui il testo originale è smontato e reintrodotto sulla scena attraverso un soliloquio che vuole rendere in modo chiaro lo svolgersi della storia fino alla morte. “Il Cortile – Teatro Festival” è il primo appuntamento teatrale a Messina dopo il periodo di blocco dovuto al Covid-19. Vuole essere il segnale forte della voglia di palcoscenico di chi fa teatro e di chi lo segue da spettatore, nonostante il fatto che distanziamento e protocolli, riducendo il numero dei posti, rendano l’avventura economica molto impegnativa (si consiglia sempre la prenotazione).

Giovedì 16 è in programma la prima performance site-specific, ovvero la novità di quest’anno. Sarà “Nor (live) – Un fotodramma”, scritto e narrato da Simone Corso. “I fotodrammi” è un progetto nato per trovare un pubblico quando il lockdown aveva svuotato i teatri e cancellato repliche e tournée. “Nor” è il terzo episodio della serie, che parte da un reportage che Paolo Galletta ha realizzato nell’estrema periferia di Bucarest. In rete proprio il 16 luglio, nel “Cortile” ci sarà una speciale versione live.

“Il Cortile – Teatro Festival” è organizzato dall’associazione “Il Castello di Sancio Panza” con il sostegno di “Latitudini”, la rete di drammaturgia siciliana, ed è diretto da Roberto Zorn Bonaventura e Giuseppe Giamboi.

Come è nella tradizione di questo Festival, alla fine di ogni rappresentazione il pubblico, intrattenendosi con gli artisti, potrà godere ancora di più del “cortile”, gustando i prodotti del ristorante ‘A Cucchiara’ di Giuseppe Giamboi (solo aperitivo in occasione delle performance).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione