Il crac della soap “Agrodolce” a Messina, a giudizio per bancarotta il manager Josi

14 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

C’è una “coda giudiziaria” a Messina per Agrodolce, la soap opera tutta siciliana andata in onda sulla Rai dal 2008 al 2009, che fu annunciata come l’erede designata e di successo di “Un posto al sole”, e invece si rivelò un vero e proprio fallimento.

Ieri si è trattato davanti al giudice Leanza della bancarotta fraudolenta della Med Studios, una delle società del gruppo “Einstein Fiction” del manager tv Luca Josi, che è stato assistito dagli avvocati Giovanni Randazzo e Giancarlo Scollo, quest’ultimo del Foro di Roma.

Ebbene, l’udienza si è conclusa per quel che riguarda lo stralcio, con il rinvio a giudizio del manager tv Luca Josi, in qualità di presidente del Cda della Med Studios, con l’accusa di bancarotta fraudolenta, in relazione ad uno dei due capi contestati inizialmente dalla Procura, relativo alla tenuta dei libri contabili, mentre per un’altra accusa il gup ha dichiarato il “non luogo a procedere”. Fonte: Gazzetta del sud

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione