Unime apre le porte dell’ex Banca d’Italia, il Rettore incontra la Governance e la stampa

14 Luglio 2020 Culture

Mercoledì 15 luglio, alle ore 10, si spalancheranno le porte dell’ex Filiale di Banca d’Italia, recentemente acquisita al patrimonio dell’Ateneo peloritano. Si tratta del primo ingresso nell’immobile a pochi giorni dalla consegna delle chiavi avvenuta lo scorso 9 luglio. All’apertura dei cancelli sarà presente la squadra di governo dell’Università messinese, composta dal Rettore, dai Prorettori, dai Delegati e dai Direttori dei vari Dipartimenti.​ Parteciperà all’iniziativa anche il dott. Angelo Di Dio, ex ingegnere dello storico edificio che guiderà la visita dei vari saloni. La prima parte dell’evento si svolgerà presso l’entrata principale ed il contestuale ingresso nel mega salone, dove il Rettore incontrerà anche i vari organi di stampa. All’interno del salone saranno disposte delle sedie a semicerchio per garantire il necessario distanziamento nel rispetto delle norme anti Covid vigenti.

Successivamente ci si sposterà sul versante di via Iº Settembre per visitare le altre stanze e dopo si approderà al vasto piano superiore della struttura.

“Siamo molto felici – ha detto il Rettore – di poter finalmente aprire le porte di questa prestigiosa sede e,​ da quando è stato siglato il contratto d’acquisto abbiamo atteso questo giorno con trepidazione.​ L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio architettonico del Palazzo, ​ di arricchirlo grazie al patrimonio ​ artistico e culturale dell’Ateneo ed anche quello di restituire alla città la splendida struttura che in futuro ospiterà un Polo museale, una biblioteca per gli studenti e centri di ricerca. Ciò al fine di renderlo fruibile a tutta cittadinanza e non solo alla comunità accademica”.

La struttura della Banca d’Italia, edificata nel 1924, ha una superficie di oltre 6000 mq, divisi in un seminterrato e due piani fuori terra; completamente in cemento armato e muratura, è di fattura molto curata.

Nel corso dell’incontro con la Governance d’Ateneo e la stampa il Rettore, prof. Cuzzocrea, parlerà anche dei servizi agli studenti e anche degli investimenti in corso per dotare i Poli dell’Ateneo di rinnovate infrastrutture (laboratori, aule e tecnologie all’avanguardia) ecosostenibili. Sarà un momento per fare anche il punto sulla fase 3 e sulla crescita dell’Ateneo messinese.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione