“Un’agenda di Stato”, il 19 luglio a Messina l’evento in memoria della strage di Via D’Amelio

15 Luglio 2020 Cronaca di Messina

A 28 anni dalla strage di Via D’Amelio a Palermo, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta, il meet up Grilli dello Stretto annuncia l’evento “Un’agenda di Stato” che si terrà domenica 19 luglio a partire dalle 19:00 a Messina, presso il Belvedere Mia Martini (di fronte alla chiesa di Grotte), nel rispetto delle norme anti Covid.

“Il 19 luglio 1992, alle ore 16.58, in Via D’Amelio, a Palermo, persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli per mano della mafia. Nei momenti successivi all’esplosione, scomparve l’Agenda Rossa del giudice – si legge nel comunicato – Un’agenda unica, in cui il giudice appuntava pensieri, indagini e piste investigative legate alla morte dell’amico Giovanni Falcone e al momento politico-mafioso di quella calda estate palermitana. Un’agenda dalla quale non si separava mai e che qualcuno ha prontamente occultato, probabilmente proprio per il suo contenuto”.

“Vogliamo mantenere vivo il mistero dell’agenda scomparsa – proseguono gli attivisti – affinché si ottenga giustizia e allo stesso tempo lanciare un messaggio di speranza alle nuove generazioni, perché, come diceva il giudice Borsellino, ‘Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo’ “.

Nel corso dell’evento, dopo aver osservato un minuto di silenzio, l’attore messinese Daniele Gonciaruk reciterà le parole del giudice Borsellino, pronunciate dopo la perdita dell’amico e collega Giovanni Falcone. Poi verrà ripercorso il periodo storico in cui si verificò la strage di via D’Amelio, i depistaggi e il mistero dell’agenda scomparsa. “Invitiamo tutti domenica alle 19 a partecipare all’iniziativa indossando una maglietta rossa“, concludono i Grilli dello Stretto.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione