Coronavirus, 13 i casi nel focolaio di Messina. Musumeci: “Non è finita, pronti a nuove misure”

27 Luglio 2020 Cronaca di Messina

Un focolaio in piena regola quello che è scoppiato all’Ortopedico di Ganzirri a Messina. I casi di coronavirus al momento si attestano a quota 13: si tratta di 9 degenti e quattro tra medici personale sanitario e non.

Sabato scorso erano risultati positivi una portantina e una inserviente, ieri invece era stata la volta di un medico. Si stanno studiando iniziative per fermare il focolaio, l’intenzione dell’Asp è spostare tutti i positivi al Policlinico e isolarli. Le ultime due degenti oggi saranno ricoverate al centro covid dell’Azienda ospedaliera universitaria.

Quattordici complessivamente i nuovi casi di ieri in Sicilia, quasi tutti asintomatici, in base al report trasmesso dalla Regione siciliana al Ministero della Salute.

Oggi, intanto, il presidente della Regione Nello Musumeci ha ribadito a L’Aria che tura, su La7, che la Regione è pronta a nuove misure per evitare una nuova ondata. «Vorrei evitare una politica sanzionaria: sarebbe un colpo alla nuca rispetto alla situazione disastrosa dei siciliani. Ma faccio appello a una maggiore disciplina collettiva. Siamo stati un popolo disciplinato in quei terribili tre mesi. Non è finita, però, anche se sta passando questa idea e siamo pronti a nuove misure se serviranno”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione