Lipari, il Questore decide chiusura discoteca

27 Luglio 2020 Senza categoria

Nel fine settimana, nel corso dei servizi di controllo del territorio, i Carabinieri della Stazione di Lipari coadiuvati dai militari della Motovedetta 814 “Monteleone” hanno deferito – in stato di libertà – il legale rappresentante di un esercizio pubblico dell’isola ove si svolgono serate danzanti, poiché ritenuto responsabile dei reati di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo senza il riconoscimento delle caratteristiche di sicurezza per l’incolumità pubblica nel locale. 

A seguito del controllo, i Carabinieri hanno riscontrato nel locale diverse irregolarità, tra cui la mancanza della licenza per trattenimenti danzanti, la presenza di un lavoratore irregolare, che svolgeva l’attività di deejay, ed infine l’assembramento di oltre cento persone che erano nel locale  prive di mascherina e senza rispettare le regole sul distanziamento interpersonale previste dalle norme per l’emergenza Covid – 19. 

Nei confronti del rappresentante legale della società che gestisce il locale sono state pertanto comminate diverse sanzioni amministrative pecuniarie. Inoltre, su richiesta della Stazione Carabinieri di Lipari, il Questore di Messina ha emesso un provvedimento di immediata cessazione dell’attività di trattenimenti danzanti tenuti presso l’esercizio, in quanto privo delle necessarie autorizzazioni.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione