Si è insediato il nuovo commissario straordinario dell’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina Giampiero Bonaccorsi

10 Agosto 2020 Cronaca di Messina
Si è insediato il nuovo commissario straordinario dell’A.O.U. Policlinico “G. Martino” di Messina, dott. Giampiero Bonaccorsi, già Direttore generale facente funzione al Policlinico “S. Marco” di Catania.
Alla presentazione hanno preso parte l’Assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza, l’Assessore regionale alle Autonomie locali e alla Funzione pubblica Bernadette Grasso e il Rettore dell’Università degli Studi di Messina Salvatore Cuzzocrea.
“L’insediamento di un nuovo vertice aziendale – ha esordito l’Assessore Razza – è un appuntamento fondamentale. Non esistono, infatti, risultati che maturano senza il
lavoro di quei professionisti che operano alla guida dell’azienda. Messina costituisce un passaggio fondamentale nella strategia di Governo legata alla sanità, soprattutto perché è centrale nella strategia della mobilità attiva, per il ruolo che svolge in particolare rispetto all’utenza calabrese e di tutte le regioni meridionali.
Giampiero Bonaccorsi in due anni e mezzo ha realizzato a Catania cose importanti, ha portato a compimento operazioni complesse e ha preso decisioni difficili. La sua è un’esperienza di Policlinico e, quindi, di consapevole integrazione con il mondo accademico. A lui auguro buon lavoro”.
“Quando abbiamo salutato l’ex Direttore generale Giuseppe Laganga – ha ricordato il Rettore Cuzzocrea – augurandogli buon lavoro per la sua nuova avventura, io avevo preso un impegno: avrei scelto il meglio. L’unico punto di disaccordo con l’Assessore Razza riguarda una parola inserita nel decreto. Per me oggi arriva… il nuovo Direttore generale del Policlinico di Messina, non semplicemente un commissario. Questo perché siamo davanti a un grandissimo professionista e non è stato banale per la sanità siciliana trasferirlo da Catania a Messina. il dott. Bonaccorsi trova una serie di realtà già pronte a partire, come il DAI Oncologico. Non posso negare che l’emergenza Covid ha causato sofferenza per alcuni dei nostri reparti, adesso dobbiamo ripartire e – per usare una metafora calcistica – questo campionato della sanità regionale lo giochiamo con il migliore attaccante disponibile. Credo sia un unicum per un Rettore, in due anni di mandato, avere avuto due responsabili dell’A.O.U. di così alta qualità. Oggi dico al dott. Bonaccorsi che l’Università sarà al suo fianco”.
“È una giornata importante – ha evidenziato l’Assessore Grasso – per tutta la provincia di Messina. Io spero, anzi sono certa, che il Policlinico di Messina continuerà a essere un punto di riferimento per tutti i centri dell’area metropolitana, con la sua capacità di fare rete, già dimostrata in passato. Anche da parte mia un augurio di buon lavoro al dott. Bonaccorsi, su cui riponiamo grande fiducia”.
È toccato poi al dott. Bonaccorsi prendere la parola, per dare il saluto e raccontare le proprie sensazioni: “Non sarà semplice rispondere alle aspettative espresse, anche oggi, dall’Assessore Razza e dal Rettore Cuzzocrea. Se a Catania sono andate a buon fine tutta una serie di operazioni che hanno radicalmente modificato la geografia dell’offerta sanitaria in quel territorio, però, non è dipeso solo dalla mia preparazione.
Ci sono una serie di elementi chiave, che non devono mai mancare: il primo è quello di avere un grande assessore alla Sanità e Ruggero Razza ha dimostrato di esserlo, dandomi gli input giusti e senza mai travalicare i ruoli.
Inoltre, è essenziale avvertire fiducia attorno al proprio lavoro. Ebbene, io oggi assumo un incarico senza avere conosciuto prima il Rettore Cuzzocrea, il quale ha puntato su di me esclusivamente sulla base del curriculum e del lavoro che ho svolto.
La terza componente è sicuramente rappresentata dal personale. Si possono avere attrezzature adeguate, risorse consistenti, piani all’avanguardia. Ma senza la disponibilità di tutto il personale non si arriva a nulla. Solo la condivisione e non certo le azioni coercitive, consente di raggiungere gli obiettivi”.

Nella foto da sx.: Grasso, Razza, Cuzzocrea, Bonaccorsi, il Direttore Amministrativo Elvira Amata e il Direttore Sanitario Antonino Levita.

ATTENZIONE:Le informazioni contenute nella presente pagina e nei relativi allegati possono essere riservate e sono destinate esclusivamente al suindicato destinatario. La diffusione, la distribuzione e/o la copiatura del presente documento, dei suoi allegati o di sue parti da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è proibita, sia ai sensi dell’art. 616 c.p. , che ai sensi del D. Lgs. n. 196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, vi preghiamo di eliminarlo e di informarci inviando un’e-mail al mittente. L’informativa privacy ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 è disponibile sul sito www.polime.it

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione