Metro Dj morta: Soccorritore Gdf, ‘Ricerca Gioele sempre più complicata ma lo dobbiamo trovare’

11 Agosto 2020 Cronaca di Messina

Le ricerche sono iniziate lunedì 3 agosto “dalle 11.30 – dice il sottufficiale delle Fiamme gialle – quando si è saputo della scomparsa della donna. Inizialmente con cani e droni e diverse squadre per il controllo di tutte le aree. Controlli che partivano da dove è stata vista la donna per l’ultima volta in autostrada. Da quel punto fino alla Strada statale 113 sul lungomare per cercare la donna e il figlio. Poi, da sabato la situazione è cambiata”, dopo il ritrovamento del corpo della donna. Senza il bambino.

“Da quel momento – dice il maresciallo Zarbo – con l’ausilio di cani e si droni la ricerca è proseguita nella zona attorno al ritrovamento della donna”.

La tecnica usata è quella “della scomparsa delle persone – dice – stiamo rastrellando le zone adiacenti al ritrovamento della donna”. Oggi si attende l’esito dell’autopsia che dirà come è morta Viviana Parisi. “Si potranno fare solo allora altre potesi ed, eventualmente, cambiare il tipo di ricerca”, dice.

Il Soccorso alpino della Guardia di Finanza coadiuva i Vigili del fuoco nella ricerca del bambino. Una task force composta anche dalla Protezione civile, dalle guardie forestali, dai Range rover. E da volontari. Tutti per ritrovare il piccolo Gioele. Se dall’autopsia emergera’ che la deejay è stata uccisa, cosa che al momento non viene esclusa, il bimbo potrebbe essere stato portato via. A quel punto, le ricerche dovranno essere ampliate in altre zone. Ma se Viviana Parisi si fosse uccisa, che è l’ipotesi più plausibile, secondo gli inquirenti, allora le ricerche proseguiranno in una zona ancora più ampia. Intanto le speranze si affievoliscono sempre di più.

Autospia spostata al pomeriggio
Intanto è slittata a questo pomeriggio l’autopsia disposta dalla Procura di Patti sulla salma della dj Viviana Parisi. All’autopsia parteciperà anche un’esperta di entomologia forense, in particolare di larve e insetti, per cercare di risalire alle cause della morte.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione