Ventiduenne muore a Lipari, i genitori presentano denuncia

24 Agosto 2020 Cronaca di Messina

I genitori di Lorenza Famularo, 22 anni, morta due giorni fa nell’ospedale di Lipari, hanno presentato una querela per accertare eventuali responsabilità dei sanitari. La giovane da giorni accusava dolori all’addome e alla spalla e in ospedale, dove si era recata più volte, i medici le avevano prescritto antidolorifici ma le sue condizioni si sono poi aggravate.

La direzione dell’Asp ha avviato una inchiesta interna inviando tre commissari nell’ospedale. Intorno a mezzanotte davanti l’ospedale si è tenuto un flash mob in memoria di Lorenza Famularo. La Procura di Barcellona Pozzo di Gotto intanto ha aperto un’inchiesta.

Lo conferma il procuratore capo Emanuele Crescenti, che già ieri ha delegato Rita Barbieri, sostituto procuratore, a occuparsi dell’indagine. «Acquisiremo tutte le carte e ovviamente sentiremo i parenti e gli amici della giovane. Sul corpo della giovane sarà eseguita l’autopsia, abbiamo già incaricato due esperti», dice Crescenti.

Nel pomeriggio di domenica sono arrivati a Lipari i tre componenti della commissione di indagine interna nominati dal direttore generale dell’Asp Messina Paolo La Paglia per acquisire tutta la documentazione presente in ospedale ed ascoltare il personale sanitario.

La famiglia di Lorenza Famularo ha incaricato come medico legale di parte la dottoressa Daniela Sapienza, la stessa che sta seguendo la vicenda di Viviana Parisi e del figlio Gioele scomparsi e trovati morti a Caronia, nel Messinese. Mentre i legali che seguiranno per conto della famiglia Famularo la vicenda sono gli avvocati Vincenzo La Cava e Nunzio Rosso.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione