Nuova Iside: concluse verifiche consulenti pm su petroliera

7 Settembre 2020 Cronaca di Messina

Si sono concluse, dopo due giorni le operazioni, per la verifica sulle sovrapitturazioni effettuate sulla petroliera Vulcanello dopo la presunta collisione con il peschereccio Nuova Iside della marineria di Terrasini scomparso in mare la notte del 12 maggio e dove sono morti Giuseppe e Matteo Lo Iacono. Nell'imbarcazione c'era anche Vito Lo Iacono, figlio di Matteo, il suo corpo non è stato recuperato. Il consulente nominato dalla Procura di Palermo Giorgio Barbagelata ha prelevato 28 campioni che saranno esaminati all'Università di Genova dipartimento di ingegneria chimica. Presenti nel cantiere Palumbo a Messina anche l'avvocato Aldo Ruffino ed i consulenti di parte dei familiari della Nuova Iside Luigi Cannizzaro, Christian Mannino, Michele Corrao ed il comandante Daniele Rocchetti. "Nel corso delle analisi - afferma l'avvocato Ruffino - sono stati notati possibili punti di contatto". Nelle ultime relazioni dei periti della procura c'è scritto che sono quattro i rumori registrati dai microfoni del voyage data recorder della Vulcanello che farebbero pensare ad una collisione tra le due imbarcazioni avvenute al largo di San Vito Lo Capo. Le indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal pm Vincenzo Amico. Nell'inchiesta sono quattro gli indagati: il comandante della petroliera "Vulcanello", l'armatore della società "Augustadue" e due ufficiali. Le ipotesi di reato sono omicidio colposo, sommersione di nave e omesso soccorso.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione