La nomina del nuovo procuratore distrettuale di Caltanissetta, in corsa i ‘messinesi’ Verzera, Crescenti e Scaminaci

10 Settembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

Gabriele Paci è il procuratore facente funzioni della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta dopo che ha lasciato l’ufficio Amedeo Bertone, andato in pensione. Paci, a Caltanissetta dal settembre 2009, da marzo 2016 è procuratore aggiunto e adesso regge l’ufficio in attesa della nomina del nuovo procuratore da parte del Consiglio superiore della magistratura. L’attuale procuratore facente funzioni è uno dei 19 che ha presentato domanda per la successione di Amedeo Bertone per guidare la Dda nissena.

L’iter per la nomina del nuovo procuratore distrettuale di Caltanissetta (che ha competenza requirente anche sulla provincia di Enna) è stato appena avviato e potrebbe tenere conto della riforma del Csm presentata il mese scorso dal Guardasigilli , Alfonso Bonafede, che prevede solo criteri di merito per la nomina dei vertici degli uffici giudiziari. La riforma prevede, tra l’altro, che le nomine di incarichi ai vertici degli uffici devono essere avviate «secondo l’ordine temporale con cui i posti si sono resi vacanti», con «l’audizione dei candidati» se richiesta da «almeno tre componenti della Commissione» e con «modalità idonee a sentire i rappresentanti dell’avvocatura, nonché i magistrati e i dirigenti amministrativi assegnati all’ufficio giudiziario di provenienza dei candidati».

Torna anche il criterio dell’anzianità come «criterio residuale a parità di valutazione risultante dagli indicatori del merito e delle attitudini». Tra i magistrati che hanno presentato domanda per la Procura nissena Salvatore De Luca (procuratore aggiunto a Palermo ed ex sostituto procuratore generale a Caltanissetta), l’ex pm Nicolò Marino, Giovanni Di Leo (anche lui per anni sostituto alla Procura nissena e ora in Cassazione), Gilberto Ganassi (procuratore aggiunto a Cagliari e con una esperienza agli inizi degli anni Novanta a Caltanissetta), gli attuali procuratori di Gela, Fernando Asaro (ex sostituto procuratore generale in Corte d’Appello), di Sciacca, Roberta Bruzzolani, di Caltagirone, Giuseppe Verzera, di Barcellona Pozzo di Gotto, Emanuele Crescenti, di Tivoli, Francesco Menditti, i procuratori aggiunti Rodolfo Sabelli (Roma), Fabio Scavone (Siracusa), Gaetano Paci (Reggio Calabria), Giovannella Scaminaci (Messina). 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione