#GUARDA IL VIDEO – Il boss dei Batanesi BONTEMPO torna in carcere. Era stato sorpreso fuori casa con il cellulare dall’inviato de La7

30 Settembre 2020 Inchieste/Giudiziaria

È stato sorpreso da un inviato della trasmissione de La 7 «Non è l’Arena» fuori casa e col cellulare in mano. Una violazione degli obblighi imposti dal giudice che gli aveva concesso i domiciliari per motivi di salute costata il carcere a Gino Bontempo, accusato dalla Procura di Messina diretta dal procuratore Maurizio de Lucia di essere a capo della famiglia mafiosa dei Batanesi.

I pm hanno chiesto e ottenuto dal gip l’inasprimento della misura cautelare imposta al presunto boss accusato, oltre che di mafia, di essere tra gli ideatori di una truffa milionaria all’Ue sui contributi agricoli messa a segno dal clan. I carabinieri del Ros gli hanno appena notificato la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Quella dei Batanesi è una storica «famiglia» mafiosa di Tortorici, paese dei Nebrodi, che per anni si è contesa il controllo del territorio con il clan dei Tortoriciani. Una lunga guerra interrotta da una tregua raggiunta dopo un accordo di spartizione degli affari. La vicenda è emersa nell’inchiesta che ha portato alla scoperta della truffa milionaria e che ha portato in cella Bontempo, poi posto ai domiciliari per motivi di salute. L’indagine ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio per 131 tra boss e gregari della mafia dei Nebrodi.

Il capomafia è stato intervistato nel corso della trasmissione di domenica scorsa in cui si è parlato delle decine di scarcerazioni di mafiosi effettuate durante i mesi caldi della pandemia. Per nulla in imbarazzo, Bontempo che era fuori casa intento a usare il telefonino, ha risposto al cronista.

 

LEGGI ANCHE

Rischio Covid: ai domiciliari anche il boss Gino Bontempo, uno dei padrini della mafia dei pascoli

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione