Nuovamente aria di sciopero al Cas. Filt Cgil, Fit Cisl, UIltrasporti, Ugl e Lata: “La misura è colma, così il consorzio affonda”

5 Ottobre 2020 Cronaca di Messina

“Caselli spesso abbandonati di notte senza personale, dalla barriera di Buonfornello a Barcellona sulla A20, a cui si aggiungono Roccalumera, Fiumefreddo e anche Giarre sulla A18. Questa è solo l’ultima perla della gestione siciliana delle autostrade – dichiarano le segreterie di Filt Cgil, Fit Cisl UIltrasporti, Ugl e Lata di Messina – con conseguenze sulla sicurezza, visto che lo stesso Ministero dispone che una presenza minima di personale deve sempre essere assicurata”.

Filt Cgil, Fit Cisl, UIltrasporti, Ugl e Lata con una dura nota al Prefetto Carmela Librizzi riprendono così le procedure di sciopero dei trecento lavoratori del Consorzio Autostrade Siciliane.

“Avevamo sospeso le azioni di sciopero prima per l’emergenza Covid e successivamente auspicando che i vertici del Cas onorassero gli impegni presi con il Prefetto lo scorso 29 giugno – dichiarano i sindacati – ma ad oggi, in spregio a quanto sottoscritto in sede istituzionale, nessun impegno è stato rispettato ed il tutto mentre la politica tergiversa ormai da mesi nel portare in Ars il disegno di legge che potrebbe dare al consorzio una nuova veste e un necessario rilancio“.

“I vertici del consorzio restano un muro di gomma – proseguono i sindacati – evitano il confronto su tematiche aziendali fondamentali come le piante organiche assenti da anni, competenze e premi pedaggi non riconosciuti ai lavoratori, dimostrando poco rispetto delle relazioni sindacali ma anche degli impegni assunti con la Prefettura di Messina”.

“Nel frattempo fioccano le azioni unilaterali, le consulenze esterne e persino bandi di assunzione senza piante organiche approvate. Di certo il Cas è a corto di personale in svariate qualifiche, specialmente tecniche e di esazione – sottolineano i sindacati – ma i vertici continuano a cantare e suonare da soli dimostrando anche poca conoscenza delle reali necessità organizzative  per la funzionalità dell’ente”.

“Resta poi la vertenza principale sul riconoscimento del contratto nazionale delle Autostrade ai dipendenti, la cui risoluzione e’ stata legata dalla politica alla trasformazione del Cas in ente pubblico economico  – continuano i sindacati – ma questo disegno di legge sembra la tela di Penelope che di giorno si fa e di notte si disfa. Pronto da mesi per essere portato in aula, ad oggi è inspiegabilmente fermo e con esso il futuro rilancio del Cas”.

“Vogliamo che il Cas ritorni fiore all’occhiello della Sicilia – concludono i sindacati – e per questo siamo pronti a chiamare nuovamente i lavoratori allo sciopero e ad altre forme di lotta”.

Anche il sindacato Orsa si mobilita con un Sit-in di protesta organizzato per stamattina nella sede del Cas. “L’’assessore Falcone e il Consorzio per le Autostrade Siciliane non mantengono gli accordi sottoscritti con i lavoratori in occupazione. Le assunzioni concordate – scrive in una breve nota il sindacato – sono rimaste sulla carta, il CAS si appresta a rinnovare il sistema del lavoro somministrato, altri soldi pubblici nelle casse dell’ agenzia provate… mentre i lavoratori restano eternamente precari con contratti di un mese all’’anno. Gli ex stagionali del CAS dicono basta e tornano a mobilitarsi!!!“.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione