La maggioranza rompe gli indugi: I fondi del Recovery Fund per un'”infrastruttura stabile” nello Stretto di Messina

12 Ottobre 2020 Mondo News

«Garantire un’infrastruttura stabile e veloce dello Stretto di Messina» realizzando «opere adeguate e mezzi idonei e sostenibili, in modo da porre definitivamente fine all’isolamento della rete dei trasporti siciliani da quella del resto del Paese estendendo, così, l’alta velocità fino a Palermo e Siracusa”: è uno dei passaggi del documento messo a punto dalla commissione Bilancio della Camera sul Recovery Fund e votato oggi pomeriggio. Nel documento poi si specifica però che tale opera «non può essere annoverata, per l’importanza che essa riveste, tra i progetti storici menzionati tra i criteri di valutazione negativa, di cui alle linee guida del Governo».

 

Ponte Stretto: FI, finanziarlo con Recovery e avviare realizzazione, basta prese in giro.
“Basta prese in giro nei confronti del Mezzogiorno, basta tentennamenti da parte di un governo che agisce con la sola logica del rinvio, senza avere una strategia di sviluppo per il nostro Paese e, in particolare, per le Regioni del Sud.
La realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina non è più rinviabile, l’esecutivo non torni a raccontarci la storiella del tunnel sottomarino. Qui c’è già un progetto, validato a livello internazionale, c’è una grande opera già cantierabile per collegare la Sicilia al resto della Penisola e all’Europa. In questo momento costruire il Ponte costerebbe meno delle penali che lo Stato dovrebbe pagare in caso di stop definitivo. Con la mozione che oggi arriva in Aula alla Camera Forza Italia chiede al governo di avviare quanto prima le opportune iniziative per riconsiderare questo progetto, chiave per il rilancio economico dell’intero Paese e che consentirebbe, ad esempio, anche di estendere l’alta velocità ferroviaria fino a Messina, Palermo e Siracusa. Vogliamo che la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina sia inserito tra le infrastrutture finanziabili con quota delle risorse del Recovery Fund e che il progetto sia inserito in un più ampio programma di rilancio degli investimenti e dei lavori pubblici coerente con la drammatica fase di crisi economica e produttiva in atto. Venga avviato da subito un confronto costante con le associazioni e i soggetti imprenditoriali coinvolti, al fine di individuare le misure e linee di intervento più efficaci e rapide per garantire la ripartenza e l’apertura dei cantieri. Basta con le perdite di tempo, è giunta l’ora delle decisioni e del coraggio”.
Lo affermano, in una nota congiunta, le deputate siciliane di Forza Italia, Stefania Prestigiacomo, promotrice della mozione, Matilde Siracusano e Giusi Bartolozzi.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione