Tonino Perna è il nuovo vicesindaco di Reggio Calabria

29 Ottobre 2020 Politica

Tonino Perna è il nuovo vicesindaco di Reggio Calabria. Il sociologo e storica figura della sinistra calabrese, avrà la delega alla Città Metropolitana e all’Area dello Stretto, Innovazione Sociale, Smart City, Partecipazione e cittadinanza attiva e Identità territoriale.

Nato nel 1947, Perna è un economista e sociologo, professore emerito di Sociologia economica presso l’Università degli studi di Messina. Dal 2000 al 2005 è stato presidente del Parco Nazionale d’Aspromonte, già assessore alla Cultura al Comune di Messina con Renato Accorinti.

«Se non ci fosse un progetto di lungo termine non avrei accettato – ha spiegato Perna illustrando anche i motivi che lo hanno portato a riflettere molto sulla proposta di assumere il ruolo - sono preoccupato sinceramente per l’eccesso di aspettativa nei miei confronti. Io ci provo, ma non è facile. La mia nomina arriva poi in un momento difficilissimo c’è il Covid ma anche la crisi economica e il Comune può fare poco senza interventi adeguati di governo e Regione».

Tra gli obiettivi l’integrazione dell’Area dello Stretto. «Vediamo come rispondono dall’altra parte – ha detto ancora Perna – andremo presto a sentire il sindaco De Luca, ma l’importanza dei trasporti sarà sicuramente condivisa».

Categorico il no al Ponte sullo Stretto. «Sono no Ponte, ma ci sono altre cose importanti di cui al momento opportuno si potrà discutere. Tecnicamente il Ponte non è fattibile. Abbiamo Scilla che si sposta verso Nord-Ovest e Ganzirri in senso opposto di un centimetro ogni 5 anni. Una cosa enorme. Pensate al terremoto che abbiamo avuto questa mattina e si capisce come il ponte non sia realizzabile, a prescindere dal suo impatto».

Il sindaco Falcomatà ha spiegato così le ragioni che lo hanno portato alla scelta del suo vice. «Credo che il professore Perna interpreti al meglio la domanda di cambiamento, di discontinuità nella continuità che la città ci ha chiesto in questa campagna elettorale. Abbiamo deciso di guardare all’esterno e alle migliori energie ed eccellenze della nostra città dando ancora di più respiro e autorevolezza alla giunta».

Laconico sul processo Miramare, che dopo la sospensione di Angela Marcianò, potrebbe provocare guai a molti dei componenti dell’attuale Consiglio comunale, compreso il primo cittadino. «Nessun collegamento con il processo, si tratta esclusivamente di una scelta politica».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione