Cannistrà e Geraci: «Rafforzare il personale delle sei Municipalità a tutela dei dipendenti e dei cittadini»

4 Novembre 2020 Politica

Rafforzare urgentemente il personale delle sei Municipalità cittadine, a fronte delle nuove disposizioni nazionali sullo smart working e della prossima erogazione delle misure di sostegno al reddito previste dal Comune, evitando in tal modo che possano verificarsi nuovamente le problematiche e le criticità già affrontate dal personale e dall’utenza nel corso della prima fase emergenziale.

È la richiesta presentata al sindaco Cateno De Luca e al segretario generale Rossanna Carrubbadai consiglieri del M5s Cristina Cannistrà e Alessandro Geraci, che chiedono all’Amministrazione di mettere in atto tutte le misure necessarie per agevolare lo svolgimento dei servizi nelle sedi decentrate, a tutela dei lavoratori e dei cittadini.

«Le Municipalità – commentano – rappresentano un punto di riferimento imprescindibile per i cittadini per ciò che concerne l’erogazione di servizi standard come cambi di residenza e di domicilio, a maggior ragione in una situazione di emergenza come quella che stiamo affrontando. Per questo è fondamentale che vengano mantenute operative tutte le attività di sportello anche con l’avvio della Family Card, mettendo il personale nelle condizioni idonee per attuare una modalità di svolgimento dell’attività lavorativa compatibile con le caratteristiche delle prestazioni da erogare, tenuto conto che, nella prima fase emergenziale, la maggior parte della popolazione ha preferito recarsi fisicamente nelle sedi municipali, generando lunghe code di attesa».

Sotto la lente degli esponenti pentastellati, in particolare, la situazione della Terza Municipalità, che risulta essere la più popolosa della città di Messina, con circa 58mila abitanti, considerando il già esiguo numero di lavoratori attualmente impiegati.

Fra le richieste di Cannistrà e Geraci anche la riapertura del centro servizi dislocato a Provinciale, “in modo da distribuire in modo capillare sul territorio tutti i servizi, in modo particolare quelli finalizzati all’erogazione dei contributi, alle locazioni, alle utenze e alla Family Card”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione