MESSINA, SCUOLE CHIUSE FINO A MERCOLEDI’ 11

6 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Il sindaco di Messina Cateno De Luca ha deciso di  tenere ancora chiuse le scuole, prorogando fino a mercoledì l’ordinanza di venerdì scorso, “non mi prendo la responsabilità di aprire le scuole, stando così la situazione”. E ha aggiunto, "se vuole, la ministra Azzolina mi impugna l’ordinanza. Venga il governo e m’impugni l’ordinanza. Preferisco questo piuttosto che mettere a rischio gli alunni e le loro famiglie”.

Il provvedimento sarà in vigore fino a mercoledì 11 novembre.

La decisione dopo una lettera dell’Asp in cui Carmelo Crisicelli, responsabile attività Covid per l’Asp di Messina, ha spiegato che “Si ritiene che le criticità precedentemente rappresentate non sono appieno superate, atteso che giornalmente a Messina e provincia il numero delle segnalazioni di positività è talmente alto dal rendere estremamente difficoltoso un efficace tracciamento dei contatti”.

“In atto, nella città metropolitana – ha scritto Crisicelli – il trend del contagio registra un costante quanto inesorabile aumento soprattutto nella fascia di età 20/50. Durante la settimana di sospensione delle attività scolastiche, l’ufficio ha ricostruito la catena dei contatti stretti. Molto elevato il numero dei positivi che hanno congiunti in età scolare. Numerosi e a macchia di leopardo i casi covid positivi legati alle scuole (alunni e personale). E’ evidente che la ripresa delle attività scolastiche in presenza rappresenta un rischio fondato sebbene difficilmente calcolabile allo stato attuale”, ha concluso il dirigente dell’ASP

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione