#FOTO e VIDEO – Incendio distrugge quattro appartamenti in via Conte di Torino

6 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Il rosso-arancio vivo è il colore della paura in via Conte di Torino. La preoccupazione fa il paio con quella del bollettino di guerra legato all'emergenza Covid. Un mix potenzialmente devastante, dal quale bisogna assolutamente fuggire. E scappano, abbandonano velocemente le loro abitazioni i residenti in una palazzina a una elevazione localizzata nella zona del Dazio, nel popoloso rione di Giostra. Le fiamme si notano a notevole distanza e rischiarano il buio. All'intersezione con la via Manzoni l'inferno sembra materializzarsi sulla Terra. Lingue di fuoco si levano altissime, inghiottono inesorabilmente lo stabile. Le richieste di intervento intasano il centralino della centrale operativa del Comando provinciale di via Salandra. Sul posto si fiondano, in forze, i pompieri, insieme ad alcune pattuglie dei carabinieri e alla polizia municipale. Cinque le squadre impegnate a domare il rogo che sta avvolgendo il tetto di un edificio e che avanza verso l'intero stabile. La situazione è grave. Necessario evacuare la struttura. Alcuni nuclei familiari scendono in strada, altri sono convinti dal personale del 115 e del 112 ad abbandonare le abitazioni. Una ventina le persone in pericolo. Tutti assistono alle complesso lavoro dei soccorritori. Col timore che le loro case possano andare distrutte. A conti fatti, nessun ferito, ma ingenti danni.

Tutto ciò è accaduto ieri sera, intorno alle 19.30. Scongiurato il coinvolgimento di persone nel grave episodio, si sono fatte largo le prime ipotesi sulla causa scatenante. L'incendio dovrebbe essere di origine colposa. A quanto pare, l'alloggio da cui si sono sprigionate le fiamme era interessato da attività di manutenzione e quindi all'interno non c'era nessuno. Ma in precedenza avrebbe operato una ditta, con mezzi di lavoro. Da stabilire se qualche attrezzo abbia provocato la scintilla poi rivelatasi deflagrante. E si è sfiorato il dramma, perché nello stabile erano custodite alcune bombole contenenti gas. Il rogo è stato spento dopo quasi due ore, anche se i vigili del fuoco hanno avuto un gran daffare per mettere in sicurezza lo stabile e le abitazioni vicine.

Pure Palazzo Zanca ha fatto la sua parte, visto che il Comune si è immediatamente attivato per fornire supporto alle richieste pervenute dalla centrale operativa dei vigili del fuoco. L'assessore alla Protezione civile Massimiliano Minutoli, allertato dalla polizia municipale, ha contattato l'Autoparco municipale e messo a disposizione autobotti di supporto alle squadre intervenute. Anche il volontariato di Protezione civile ha fornito immediata disponibilità a dare una mano con tre equipaggi, che hanno verificato eventuali necessità.

«Per fortuna non si è dovuto intervenire per fornire assistenza alla popolazione ma, ancora una volta, le associazioni di Protezione civile hanno risposto in tempo reale, per questo mi sento di ringraziare tutti i volontari», ha voluto sottolineare il rappresentante della Giunta De Luca.

 

Questo il comunicato ufficiale dei vigili del fuoco:

Dalle 19:30 cinque squadre dei Vigili del fuoco sono impegnate a Messina, in via Conte di Torino, per l’incendio del tetto di un edificio poi propagato all'intero stabile. Evacuata dai pompieri l'intera struttura, nessuna persona è rimasta coinvolta, in corso l'estinzione degli ultimi focolai.​

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione