Omicidio Salmeri, la intercettazioni. «Qualche femmina se lo è portato a casa»

Il cerchio sull'efferato delitto di Milazzo è stato chiuso non solo grazie all'analisi delle telecamere di videosorveglianza. Un contributo decisivo lo hanno offerto le intercettazioni, che «hanno consentito non solo di attestare un rapporto di frequentazione e conoscenze tra Rossitto e la vittima, ma anche di risalire all'identità di quest'ultima», si legge nell'ordinanza del gip Salvatore Pugliese.

Già la sera del 21 agosto scorso, quindi poco meno di un mese dopo l'omicidio, i carabinieri intercettano un dialogo tra il presunto autore e un amico, tranquillizzato «sull'assenza di un uomo non meglio identificato, che non si faceva vedere “da tre giorni”». Ma c'è il forte sospetto che si possa trattare del 73enne. «Pronto?... Quanto ho da fare non ti fai sentire!... no... no... è da tre giorni che non si fa vedere, meno male», dice Rossitto. Che il 2 settembre aggiunge: «Ieri sera ero là, sono passato... è da molto che non lo vedo a quello, non l'ho visto più... “trafucuc'è!”... non è che ha fatto pace con sua moglie... se ha fatto pace con sua moglie è buono... speriamo di sì... forse si è allontanato». Tre giorni dopo, riferisce a un'amica che è solito portare con sé un coltello, «corrispondente al tipo di arma utilizzata per la perpetrazione dell'omicidio», si legge nelle carte. «Sono nella campagna, mi è venuta voglia di due fichi d'india... io sono peggio di una femmina... vediamo, un “pezzo” di coltello vecchio ce l'ho qua, io... me lo porto sempre». In un'altra circostanza, parla con una persona di tale “Giovanni”, che chiede sue notizie. «Ah, lui sai dove sta?... per là, ha la casa, ormai a Messina... qua tutti lo stanno cercando... forse ha trovato qualche femmina scaltra che se l'è portato a casa... per mangiargli i soldi, non è giusto... ouh, dico, io là mangio, alla Caritas, non pago... se lo “ha chiuso” la polizia hanno fatto bene!... se no lui sai dove moriva?... nel cartone, a terra, lo trovavano morto... qua non lo toccava nessuno... per me se lo hanno “chiuso” hanno fatto bene... vive 100 anni perché là lo puliscono, lo fanno e lo dicono». Poi un minimo di tristezza: «A me mi duole il cuore, io gli volevo bene, lo rispettavo, le cose giuste».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione