Si è spento a Messina il prof. Giovanni Trimarchi

25 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Una vita dedicata alla sua Savoca, di cui è stato a lungo amministratore, e alla medicina, che lo ha visto dare vita, a Messina, alla Casa di cura “Cristo Re”, struttura punto di riferimento per tutto il territorio.

Messina e la zona jonica piangono il professor Giovanni Trimarchi, scomparso ieri mattina all'età di 89 anni mentre si trovava ricoverato all'ospedale “Papardo”.

Esponente di spicco della Democrazia Cristiana in provincia, è stato sindaco di Savoca dal 1972 al 1992, in quella che è stata la sindacatura più lunga del borgo collinare; dal 1996 al 2001 è approdato sui banchi dell'Ars come deputato di Alleanza Nazionale, eletto con 4.361 preferenze e, nel 2001, si è ricandidato al parlamento siciliano nella lista “Orlando Presidente” ma senza essere rieletto. I funerali si terranno domani, alle 15, nella chiesa madre savocese.

Nato a S. Teresa di Riva il 28 maggio 1931, Trimarchi consegue la laurea in Medicina e si specializza in Ortopedia e Traumatologia; dopo anni di intensa attività nel campo, decide di fondare nel 1973 una nuova struttura dedicata all'Ortopedia, che fosse un punto di riferimento per tutta la città di Messina. Nasce così la Casa di cura “Cristo Re”, struttura aperta al pubblico, in pieno centro, che oggi vanta un'organizzazione di eccellenza e diversificate unità funzionali dei raggruppamenti di Medicina e Chirurgia, specializzata in servizi per la riabilitazione ortopedica e neurologica. Giovanni Trimarchi ha fondato anche l'azienda agroozootecnica “Ciuri”, a Furci Siculo, perché «stando vicino alla natura si opera anche a favore della vita».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione