9 Dicembre 2020 Cronaca di Messina e Provincia

C&T e algoWATT. Martedì webinar su esperienza e risultati automazione terminal biglietteria di Villa San Giovanni

Caronte & Tourist e algoWatt (società di progettazione e sviluppo nei settori digital energy, smart cities e green mobility nata dalla fusione di TerniEnergia, azienda leader nel comparto delle energie rinnovabili e di Softeco, provider di soluzioni IT con oltre 40 anni di esperienza) hanno concluso con successo la riorganizzazione digitale delle attività di bigliettazione e imbarco del Terminal Ticketing Multimodale C&T sito in prossimità dello svincolo autostradale di Villa San Giovanni.

L’esperienza e i risultati del progetto saranno presentati martedì 15 dicembre alle 11.00 nel corso di un webinar gratuito intitolato: “Terminal Ticketing Digitale algoWatt – Dall’esperienza Caronte & Tourist alla soluzione per tutti gli hub multimodali” (link qui).

Parteciperanno per algoWatt il Direttore Generale Massimo Mannori, il Responsabile della Business Unit Green Mobility Marco Boero e il Sales Manager Maurizio Poretti.

Per Caronte e Tourist sarà presente Alessandro De Domenico, Coordinatore Operativo Infrastrutture e Sicurezza del Gruppo.

Da quando è stato introdotto il nuovo sistema di automazione sono transitati dal porto di Villa San Giovanni circa 1,2 milioni di autovetture, più di 250 mila automezzi commerciali e più di 3,5 milioni di passeggeri, a testimonianza del fatto che il sistema benché nuovo si è dimostrato perfettamente e immediatamente operativo.

Per algoWatt “il lavoro svolto per Caronte & Tourist rappresenta un esempio pratico del contributo che la digitalizzazione può portare all’efficienza dei servizi di trasporto e della mobilità turistica, nonché alla sicurezza e alla salute dei passeggeri”.

Mentre Caronte & Tourist ricorda che “l’automazione del terminal di Villa San Giovanni oltre che velocizzare e snellire le procedure di ticketing ha consentito di incrementare la sicurezza dei passeggeri ai fini del contenimento della diffusione del Covid 19, riducendo le occasioni di contatto interpersonale e ottimizzando l’impiego di risorse e i costi di gestione”.