Smart Shop: 1000 buoni del valore di 20 euro per rilanciare le imprese messinesi

22 Dicembre 2020 Culture

È ufficialmente partita la campagna di crowdfunding “1000 Buoni per Messina”, l’iniziativa di Smart Shop per sostenere e rilanciare i consumi presso gli esercenti locali, particolarmente penalizzati dalle limitazioni e chiusure imposte dalla pandemia.

La campagna ospitata dalla piattaforma gofoundme ambisce ad aggregare donazioni per un valore complessivo di 20.000 euro, soldi che saranno interamente destinati alla creazione di 1000 buoni da 20 euro.

Come funziona? Ogni 10 acquisti registrati dalla totalità degli utenti il circuito di Smart Shop erogherà in modo del tutto automatico un buono di 20 euro immediatamente spendibile presso tutti gli esercizi aderenti.

“Un vero e proprio moltiplicatore di acquisti, atto a garantire una movimentazione di 10.000 transizioni – è stato dichiarato dalla startup – Per il consumatore sarà sufficiente effettuare il primo acquisto presso un esercizio aderente per scoprire se risulta vincitore di 1 dei 1000 buoni messi in palio”.

“Abbiamo scelto la formula del crowdfunding convinti che ciascuno possa e debba fare la propria pare -continuano- Questo lo spirito che ha animato il nostro impegno negli ultimi mesi, l’idea di Smart Shop e gli strumenti messi a disposizione in forma gratuita per gli esercenti. Oggi con 1000 Buoni per Messina lanciamo una sfida alla città per dare il proprio contributo, che sia di natura economica o di vicinanza agli esercenti locali, che animano le nostre vie, rappresentano un importante fonte di occupazione e rendono viva la nostra città. Ci auguriamo una grande risposta per un 2021 all’insegna della ripresa”

Fissata anche la data di pubblicazione dell’app e del portale web al 7 gennaio, momento nel quale le attività potranno riprendere la propria attività di vendita al dettaglio dopo le chiusure imposte dal DPCM n 172 del 18 dicembre 2020.

Le persone fisiche che investono in campagne di equity crowdfunding possono detrarre il 50% dell’importo dal proprio imponibile fiscale.

L’iniziativa si inserisce in un quadro più ampio voluto dalla startup nata lo scorso novembre che vuole rilanciare e sostenere le attività locali, penalizzate dalla pandemia e fortemente in crisi a causa delle grandi catene di distribuzione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione