22 Gennaio 2021 Politica e Sindacato

LINCIAGGIO MEDIATICO DI ANTONELLA RUSSO: ART. 1, È EMERGENZA DEMOCRATICA

Dopo il post di Antonella Russo, che ha replicato sui social alle accuse di Cateno De Luca, a schierarsi dalla parte della consigliera comunale del Pd, “messa alla gogna” dal sindaco nel corso di una diretta dal Coc, è Articolo Uno, che in una nota prende le distanze dalle invettive del primo cittadino, parlando di “linciaggio mediatico”, “atteggiamento squadristico” e di una vera e propria “emergenza democratica”.

Di seguito la nota, a firma di Domenico Siracusano e Maria Flavia Timbro.

“È di una gravità inusitata la modalità con cui il Sindaco Cateno De Luca ha preso di mira la consigliera comunale Antonella Russo. È inaccettabile che un primo cittadino metta alla gogna una esponente dell’opposizione consiliare, rea di avere sollevato con un atto ispettivo una questione. Non è importante l’argomento oggetto dell’interrogazione della consigliera Russo: il sindaco non può permettersi di agitare una foto e realizzare un linciaggio mediatico nei confronti di chi esercita semplicemente il ruolo affidato dai cittadini. 

Se ne faccia una ragione De Luca non ha solo lui la delega a rappresentare le messinesi e i messinesi anche i consiglieri comunali, e il civico consesso nel suo complesso, hanno il diritto, anzi il dovere, di svolgere questa funzione. Anzi, se lui è stato eletto per governare nel ruolo di amministratore, al Consiglio Comunale è demandato il compito di indirizzo e controllo. 

Siamo di fronte ad una emergenza democratica. Non ci sembra assolutamente esagerata questa espressione, nella condizione in cui saltano tutte le regole del confronto e si sceglie la strada della violenza verbale, aizzando gli animi di sostenitori che già sui social hanno avviato una pericolosa mobilitazione fatta di insulti e atteggiamenti minatori.

I sindacati, il consiglio comunale, i partiti, i lavoratori del Comune e delle partecipate: chi osa dissentire diventa oggetto dei suoi strali. Sarebbe legittimo se il dibattito si svolgesse nelle sedi e con le modalità opportune. Ma l’attacco mirato al singolo sindacalista, al singolo consigliere, al singolo esponente politico, al singolo lavoratore è espressione di un atteggiamento squadristico che non possiamo tollerare e contro il quale la Messina democratica, al di là di orientamenti e posizionamenti politici, dovrebbe fare argine. 

La città, le istituzioni democratiche non appartengono a De Luca e nessuna elezione da a lui, e a nessun altro, il potere di sfregiarle diffondendo un clima di tensione sociale pericoloso, di cui è l’unico responsabile morale. De Luca la smetta e chieda scusa, perché non è la prima volta che le parole diventano pietre, mettendo a rischio l’incolumità delle persone. Se poi pensiamo che tutto questo accade dentro un tragica pandemia, è ancora più grave.

Antonella Russo, a cui va la sincera vicinanza e solidarietà di Articolo Uno Messina, non si lasci intimidire e prosegua il suo lavoro in Consiglio Comunale e in città con la determinazione e l’impegno che l’hanno caratterizzata in questi anni: Messina ha bisogno di voci libere a servizio della costruzione di una alternativa. 

Le forze politiche e i soggetti sociali, che hanno a cuore la democrazia, sappiano reagire con fermezza senza fare sconti o derubricare a fattore caratteriale una deriva insostenibile”. Così scrivono Domenico Siracusano, segretario Provinciale Articolo Uno e  Maria Flavia Timbro, della  segreteria Nazionale di Articolo UNO