Messina, dimissioni di De Luca. CMdB: “Consiglieri su la testa, serve orgoglio”

25 Gennaio 2021 Politica

Dal 5 febbraio le dimissioni del sindaco De Luca avranno efficacia. Mentre è in corso il conto alla rovescia 4 consiglieri comunali(Pergolizzi, Giannetto, Serra, Cipolla) hanno invitato il sindaco a ritirare le dimissioni e l’Aula a discutere una mozione sulla vicenda. De Luca ha dichiarato che se quella richiesta raggiungerà la soglia di 17 sì potrà continuare il suo percorso.

A intervenire con una nota rivolta al consiglio comunale è il movimento CMdB con una nota che lancia una frecciata al “carattere” di una parte del consiglio.

Aula accondiscendente

Il movimento, che ha sostenuto Renato Accorinti sindaco, si chiede perché invece di protestare per i continui attacchi ed insulti di De Luca all’Aula ed ai singoli consiglieri o discutere della relazione annuale o le ordinanze in fase pandemica, il Consiglio si comporti in modo accondiscendente.

“Su la testa”

Ancora una volta- scrive CMdB– i consiglieri preferiscono accondiscendere ai voleri dell’omino forte dello stretto, e cercano di aiutarlo ad  uscire dall’angolo in cui egli stesso si è chiuso con la presentazione delle sue dimissioni. Il volere popolare manifestato a giugno 2018 è intoccabile. Ma la democrazia presuppone anche un utilizzo degli strumenti democratici che invece sono stati, da allora, più e più volte sotterrati. Su la testa consiglieri comunali: dimostrate responsabilità per tutelare la democrazia e la rispettabilità della nostra città, più volte offesa e dileggiata da comportamenti al limite del ridicolo”.

Meno proclami più orgoglio

Cambiamo Messina dal Basso evidenzia anche il fare contraddittorio del sindaco che in un primo momento si dimette per la querelle su La Paglia e contesta i consiglieri comunali. Poi, quando comprende che non sarà rimosso subito chiede l’aiuto del Consiglio. “Su la testa e meno proclami, più azione e, se vogliamo, orgoglio: la tredicesima città d’Italia non merita di sottostare ai bluff di chi non si rende conto della gravità di cosa fa.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione