MESSINA, DA SABATO VALE L’ORDINANZA MUSUMECI

28 Gennaio 2021 Politica

"Si conclude domani alla mezzanotte la fase della mia ordinanza e a partire da sabato si applicheranno le regole e le limitazioni stabilite dal ministero della Salute e dal presidente della Regione Musumeci sia per le attività economiche sia per le scuole".

È l’annuncio del sindaco Cateno De Luca che chiude ogni strada a ipotesi di “ordinanze ponte” o a ulteriori misure restrittive. Il sindaco ringrazia i messinesi per la sopportazione e la pazienza, rivendica con orgoglio il fatto che la sua ordinanza abbia superato lo scoglio del Tar e, dunque, aveva motivazioni forti e inattaccabili, ma afferma che adesso si adeguerà a quanto verrà stabilito dal governatore siciliano.

«Noi abbiamo assunto decisioni non in base agli umori o alle personali preoccupazioni - ha spiegato il sindaco di Messina -, ma lo abbiamo fatto con piena lucidità fondata su dati provenienti dagli organi preposti. Il numero dei posti letto in terapia intensiva, l’andamento epidemiologico della città, sono tutti dati forniti dalle autorità sanitarie e ospedaliere. C’è il Comitato tecnico scientifico regionale al quale abbiamo chiesto accesso agli atti ma ancora non abbiamo ricevuto la relazione richiesta. I ricorsi al Tar da noi vinti, le asseverazioni alla nostra ordinanza sono arrivate dal Tribunale amministrativo, confermano la validità di un provvedimento drastico ma necessario e adeguatamente motivato. Abbiamo sopportato insieme questi drammatici 13 giorni, lo abbiamo fatto in gran parte con senso di responsabilità e devo ringraziare tutti i messinesi per la comprensione e per la collaborazione. In ogni caso, a nome del Comune di Messina, presenteremo un azione risarcitoria nei confronti della Regione e dell’Asp di Messina per la scellerata gestione dell'emergenza sanitaria, in base a tutti i punti sui quali abbiamo presentato due esposti alla Procura della Repubblica».

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione