Scuole a Messina, da lunedì in classe elementari e prima media

29 Gennaio 2021 Cronaca di Messina

Il mondo della scuola resta sospeso fra i colori dell’emergenza. Sono diversi gli scenari in caso di una conferma della massima allerta o dello scivolamento al livello arancione. In ogni caso, molto è destinato a cambiare a partire da lunedì prossimo quando, in ogni caso, un buon numero di studenti potrà tornare in classe. Era infatti l’ordinanza De Luca, peraltro non l’unica in provincia in tal senso, ad aver sospeso le lezioni in presenza in tutti gli istituti, dal nido al quinto liceo.

Due ipotesi per la scuola

A 24 ore dalla sua scadenza, si profilano due diverse possibilità. Se la Sicilia restasse zona rossa, così come è adesso, allora da lunedì a Messina potranno tornare in presenza tutti gli studenti dell’infanzia, della primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado (la prima media). Dalla seconda media al quinto anno delle superiori, proseguirebbe la didattica a distanza per tutti.
Ma se la Sicilia divenisse zona arancione, così come pronosticato dai più, allora la platea dei giovani che tornerebbero in presenza a scuola sarebbero molti di più. Infatti a quel punto potrebbero tornare fra i banchi anche gli studenti delle superiori ma in ragione del 50% di ogni classe, per evitare assembramenti.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione