Piazzò una bomba al Primigi store di Santa Teresa, preso a Siracusa: deve scontare 4 anni

8 Febbraio 2021 Inchieste/Giudiziaria

I Carabinieri della Compagnia di Siracusa hanno arrestato Christian Terranova, trentenne siracusano, già gravato da numerosissimi precedenti per reati in materia di armi e stupefacenti nonché contro la persona ed il patrimonio, per alcuni dei quali infatti si trovava attualmente agli arresti domiciliari.
L’arrestato è stato catturato poiché colpito da ordine di esecuzione di una pena di 4 anni di reclusione: l’uomo infatti è stato condannato per aver piazzato a scopo intimidatorio un ordigno esplosivo sull’ingresso di un negozio di abbigliamento ad insegna Primigi Store, situato nel pieno centro di Santa Teresa di Riva, in provincia di Messina. La vicenda, per la quale i Carabinieri della Compagnia di Taormina arrestarono al termine delle indagini anche un complice, risale al 2018, quando il Terranova fu “ingaggiato” da un suo conoscente, anch’egli proprietario di vari Primigi Store siti in Catania e Siracusa, per piazzare l’ordigno ai danni della vittima, che fungeva da capoarea per la Sicilia e la Calabria per l’azienda di riferimento, la quale intendeva revocargli l’utilizzo del marchio in quanto insolvente nei pagamenti delle forniture.
L’astio del mandante nei confronti del capoarea era profondo anche perché credeva che egli, con la sua estromissione, potesse impadronirsi della sua fetta di mercato. Di qui la decisione di fargliela pagare: il Terranova partì da Siracusa e piazzò un ordigno proprio all’ingresso del negozio, causando un’esplosione potentissima, come le immagini già diffuse all’epoca mostrarono, che danneggiò oltre all’esercizio commerciale anche le auto parcheggiate nelle vicinanze e per pura fortuna non ferì alcun passante.
Il Terranova è stato ora associato al Carcere di Ragusa.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione