Flashmob a Messina per Zaki e il rettorato si tinge di giallo

9 Febbraio 2021 Culture

Un flashmob per Patrick George Zaki. È l'iniziativa dedicata al ricercatore dell'Università di Bologna, attivista per i diritti umani, organizzata dal Collettivo "Tenda della Pace" per il mese di febbraio. A oltre un anno dall'illegittima reclusione di Patrick, associazioni, movimenti e partiti messinesi sono scesi in piazza per sensibilizzare l'intera comunità e unirsi al coro unanime che, da nord a sud, chiede la scarcerazione del giovane egiziano.

Nell'attesa che anche il Comune di Messina, seguendo l'esempio virtuoso di altri comuni italiani, riconosca la cittadinanza onoraria a Patrick, nella piazza antistante l'Università degli Studi di Messina e nel rispetto delle norme anti-covid, si è svolto un raduno dei rappresentanti delle organizzazioni aderenti per un flashmob statico volto "a mantenere viva l'attenzione sulla drammatica vicenda".

Nel frattempo è stato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ad annunciare l'intenzione di conferire la cittadinanza onoraria allo studente arrestato il 7 febbraio 2020 nel suo Paese con l'accusa di terrorismo e diffamazione dello Stato. "Per ribadire il nostro impegno - ha spiegato il primo cittadino - a difesa dei diritti e del diritto, e nella speranza che possa presto ritirarla di persona".

L'iniziativa a sostegno di quella di Amnesty che illumina di giallo la facciata del Rettorato, è stata seguita anche dal pubblico in diretta Facebook. Ogni cittadino ha potuto inoltre esprimere il proprio sostegno postando una foto con un cartello giallo, accompagnata dall'hashtag #FreePatrickZaki e dal tag alla pagina facebook della Tenda.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione