Vaccini Fiera di Messina, tempi record: il 6 marzo pronto il padiglione 7a

2 Marzo 2021 Cronaca di Messina
Tempi record nell’allestimento del centro Hub per le vaccinazioni di massa nella città di Messina: sabato 6 marzo è prevista la consegna del primo padiglione 7a. “I lavori sono cominciati sabato scorso, subito dopo la consegna delle chiavi, e il cantiere procede celermente - evidenzia il direttore generale ff Bernardo Alagna, che ha fatto un sopralluogo per verificare l’adeguamento dei due padiglioni (7a e 7b) dell’ex complesso fieristico dove la ditta, incaricata dalla Protezione Civile, sta lavorando notte e giorno per renderli sicuri, agevoli e confortevoli pronti ad accogliere la cittadinanza per i prossimi 7 mesi. “In una settimana sarà ultimato il primo, mentre per il 7b servirà ancora qualche giorno - prosegue Alagna - è stata fatta l’impermeabilizzazione, revisionato l’impianto d’illuminazione (che prevede neon in caso di emergenza), predisposti bagni (anche per persone diversamente abili), quasi ultimata la posa della pavimentazione, e nei prossimi giorni verranno collocati i 44 “moduli” box che materialmente ospiteranno le vaccinazioni, compresi di linea internet per poter mettere tutti i dati in rete in tempo reale. Stimiamo di poter vaccinare in due turni: la mattina, dalle 9 alle 13, nel pomeriggio, dalle 15.30 alle 19.30 per un complessivo di 8 ore, che nel tempo potrebbe essere esteso con un turno aggiuntivo serale, così da garantire circa 10 somministrazioni l’ora in ciascun box per un totale complessivo fino a 4000 vaccinazioni in ogni giornata, col sistema a regime si intende”. Il parcheggio ospita una cinquantina di vetture: si stima l’arrivo di oltre 300 auto ogni 60 minuti in base alle prenotazioni”. Saranno utilizzati i vaccini di Astrazeneca, Pfizer e Moderna. Al sopralluogo tecnico hanno preso parte anche alcuni ingegneri consulenti dell’Azienda sanitaria provinciale, tra cui Francesco Giglio, Fabio Raffone, Giovanni Perri, Giacomo Spadaro e Claudia Sorce al fine di verificare il tutto.
Nelle foto: il sopralluogo del dott. Alagna e degli ingegneri dell'ASP Messina.
Da sinistra gli ingegneri Francesco Giglio, Fabio Raffone, Giovanni Perri, Giacomo Spadaro e Claudia Sorce.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione