Messina, Faro superiore come una pattumiera. La Uil: “Serve immediata bonifica”

5 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Numerose segnalazioni sono giunte alla UilTrasporti da parte di associati e cittadini residenti  nella zona via Padre Annibale Maria di Francia a Faro superiore , che da tempo lamentano disagi e preoccupazioni per la mancanza di necessari interventi di bonifica e pulizia, come si evince dalle foto allegate. Duole constatare che l’inciviltà spesso dilagante di una piccola fascia di cittadini , rischia di rendere vani gli sforzi degli operatori di Messina Servizi e pregiudica l’operato dell’azienda addetta al servizio di raccolta e igiene urbana, pertanto si reputa necessario l’intervento delle autorità preposte. "Denunciamo - scrive Nino Di Mento - lo stato di abbandono e di assoluto degrado in cui versa la Via Padre Annibale Maria di Francia, una delle zone più importanti della città, meta di numerosi pellegrini, sita nel villaggio Faro Superiore, strada d'interesse storico, culturale e religioso che porta al Santuario della Madonna della Guardia, dove Sant'Annibale Maria di Francia, trascorse gli ultimi giorni della propria vita.

La situazione attuale nella vallata, cosparsa di rifiuti abbandonati anche di tipo speciale, è uno scenario che fa brutta mostra di se a tutti i cittadini della zona e agli avventori, ed è ad oggi ancor più grave alla luce dei ritardi registrati negli interventi più volte richiesti. L’allarme oltre che ambientale e sanitario è insito anche nel rischio incendi , visto l’approssimarsi della stagione estiva, come fra l’altro hanno dimostrato i gravi accadimenti avvenuti l'anno scorso. Proprio per questo si ritiene necessario porre all'attenzione della Polizia Municipale Nucleo Decoro Urbano , dell'Amministrazione Comunale e della Società competente la situazione che definiamo , imbarazzante per il decoro cittadino ma anche i rischi ad essa connessi. Si sollecitano pertanto, azioni che mirino ad una immediata bonifica ambientale della zona, prevedendo nel più breve tempo passibile tutte quelle azioni ed iniziative necessarie, quali telecamere o foto trappole, atte all'individuazione di individui che dovessero continuare a rendersi responsabili di atti che definiamo di pura inciviltà e al tempo stesso al fine di agevolare il lavoro delle maestranze della Messina Servizi Bene Comune.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione