Pasticciere abusivo. Palella: “Episodio gravissimo. L’abusivismo non solo mortifica le attività in regola, ma soprattutto mette a rischio la salute dei cittadini”

5 Marzo 2021 Cronaca di Messina

Produceva dolci in casa a messina e li rivendeva su un sito di annunci online. Una vera a propria attività artigianale ma abusiva quella messa in piedi da un ex pasticcere, sorpreso dalla polizia municipale. Un agente lo ha contattato fingendosi cliente, ha ordinato una torta e se l’è fatta recapitare. Subito dopo l’uomo è stato multato: dovrà pagare 3.098 euro.

Sul grave episodio riportato dagli organi di Stampa, secondo cui un ex pasticciere avrebbe continuato la sua attività tra le mura domestiche, facendosi pubblicità su internet e vendendo i suoi prodotti ad inconsapevoli cittadini, interviene il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella. 

“Grazie all’attività della Polizia specialistica della Municipale- dice il presidente Palella- si è riusciti ad incastrare un ‘furbetto’ che pensava di continuare a svolgere l’attività di pasticciere in barba ad ogni regola igienico-sanitaria, mettendo a rischio la salute di ignari cittadini

Si tratta di un episodio gravissimo anche sul piano della concorrenza sleale perpetrata ai danni di tutte quelle attività che faticosamente, soprattutto in questo periodo segnato dalla pandemia, alzano ogni giorno la saracinesca dei loro locali, osservando le regole e pagando le tasse. Per non parlare del mancato rispetto di tutte quelle norme a tutela dell’igiene e della salute pubblica, letteralmente ignorate dal soggetto in questione dal momento che, secondo quanto riportato dalla Stampa, il pasticciere svolgeva l’attività illecita a casa sua e dunque senza alcuna autorizzazione sanitaria. Un plauso va alla sezione della Polizia Municipale guidata dal comandante vicario Giovanni Giardina che ha multato il trasgressore, con l’auspicio che la dura sanzione comminata serva da monito a chi crede di poter operare nell’illegalità a discapito di tutti: imprenditori onesti e cittadini. Infine- conclude Palella- un invito alla gente a diffidare da chi non offre le adeguate garanzie, ne va della vostra salute, fate attenzione!”

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione